L’uomo che non vede, ma sente i colori

18 febbraio 2012 10:080 commenti

L’artista Neil Harbisson è affetto da una particolare nonché rara malattia chiamata Acromatopsia. Si tratta di un raro disturbo della vista che gli impedisce di vedere e di distinguere i colori. Quando i dottori gli diagnosticarono questa patologia furono categorici sull’impossibilità di guarirne e lo invitarono a rassegnarsi ad una vita fatta soltanto di tanti grigi. Neil però, ha sempre avuto una passione per la pittura e quindi decise di studiare arte. Ma la sua passione non fu l’unico motivo a spingerlo verso questa decisione, il suo scopo era quello di capire cosa fosse un colore. L’artista ha notato poi un certo legame tra questi ultimi e i suoni, e fu proprio questo connubio a dare a Neil una nuova vita. Grazie a Adam Montadon, che teneva un corso di cibernetica alla Plymouth University, è stato creato uno strumento composto da una webcam, un computer e un paio di cuffie che attraverso un software i colori vengono tradotti in suoni.  Così il do è il blu, il re è il viola, il mi è il rosa e così via. Così Neil Harbisson vive dal 2004 con una telecamera sulla testa che lo aiuta a riconoscere i colori.






Tags:

Lascia una risposta