Home / Curiosità / La Barbie non piace più, colpa dell’anti Barbie con cellulite

La Barbie non piace più, colpa dell’anti Barbie con cellulite

Potrebbe essere ormai inesorabilmente vicina alla fine l’era di Barbie: la bambola che ha fatto sognare intere generazioni e ha reso miliardaria la Mattel che l’ha prodotta non piace più alle bambine moderne. In azienda c’è forte crisi e si respira aria di cancellazione dello storico personaggio dal commercio dei giocattoli. Un duro colpo per la Mattel che praticamente non è riuscita a stare al passo con i tempi. Ma di cosa è vittima la Barbie?

COME SAREBBE BARBIE SENZA TRUCCO: LE FOTO

Una decisione sofferta che segnerebbe la fine di un’epoca ma che potrebbe diventare inevitabile se non interverrà a breve un’inversione di rotta nelle vendite: negli ultimi anni sono stati diversi i tentativi fallimentari di rilancio della bambola che ormai a quanto apre non fa più presa sulle bambine di oggi. A metterne in crisi le vendite anche versioni “più umane”, come l’anti barbie con la cellulite. In azienda si respira aria di tensione: dopo il quinto trimestre deludente consecutivo l’amministratore delegato, Bryan Stockton, ha rassegnato le sue dimissioni. In quello precedente le vendite della Barbie avevano fatto registrare un calo dell’utile netto pari al 59%, corrispondenti a 149,9 milioni di dollari. A maggio 2014 aveva assunto Richard Dickson, esperto di brand, per dare una veste nuova a Barbie e farla tornare al suo massimo splendore a 55 anni.

La poltrona di Stockton è stata occupata ad interim da Christofer Sinclair. Durante il suo insediamento temporaneo non sono mancate parole ottimistiche per alcune nuove idee di rilancio del prodotto: “Lavoreremo nei prossimi mesi per rilanciare il business e identificare la leadership giusta mentre ci affacciamo alla prossima fase di crescita e creazione di valore”. Gli esperti dicono che Stockton ha sbagliato perché ha puntato sui numeri, soprattutto su quelli delle vendite all’estero, più che sulla creatività.

Tra i candidati in corsa per sostituire in pianta stabile Stockton ci sarebbero, all’interno di Mattel, Dickson e Tim Kilpin. Uno di loro potrebbe essere in grado di salvare il destino di Barbie?

Loading...