La Coca Cola che ha ucciso una donna di 30 anni

21 aprile 2012 10:360 commenti

Si dice che la coca cola è nata come una medicina, ma stando a ciò che è avvenuto qualche anno fa, e che in questi giorni è emerso, non sembra faccia molto bene.  Si tratta del caso di Natasha Harris di cui ha parlato il patologo neozelandese Dan Mornin. La donna di soli 30 anni è stata stroncata da un infarto probabilmente dovuto all’abuso di bibite gasate, in particolare coca cola, associato ad una cattiva alimentazione. Sembra che la donna fosse affetta da ipopotassiemia, ovvero mancanza di potassio nel sangue, che deriverebbe da un’assunzione esagerata di coca cola.


Alla testimonianza del dottore si aggiunta quella del fidanzato della donna, Chris Hodgkinson il quale avrebbe dichiarato che Natasha beveva quasi 8 litri di coca al giorno. Inoltre fumava un pacchetto intero di sigarette ogni giorno. Tutte queste condizioni di cattiva alimentazione, associate al vizio del fumo e alla dipendenza da Coca Cola avrebbero portato la donna alla morte. La Coca Cola Company non ha lasciato dichiarazioni a proposito.






Tags:

Lascia una risposta