L’alto stipendio della Rothblatt dipende dal fatto che era uomo?

10 settembre 2014 15:180 commenti

Nella lista dei top manager statunitensi c’è anche il nome di Martine Rothblatt, della United Therapeutics. Ma il fatto che questa donna sia strapagata, proprio come i suoi omologhi maschili, dipende dal fatto che era un uomo e ha cambiato sesso?

Bina-Aspen-Martine-Rothblatt

Gli uomini, in Italia, come nel mondo, sono generalmente pagati più delle donne e se si sale di livello nella scala gerarchica di un’azienda o di una realtà industriale, questo divario aumenta anche perché nei posti che contano, le donne sono davvero pochissime.

In apparenza, quindi, anche la presenza di Martine Rothblatt nell’elenco dei manager più pagati, dovrebbe sorprendere positivamente i lettori. Al contrario si apprende che la fondatrice dell’azienda farmaceutica che vale 5 miliardi di dollari, fino al 1994 era un uomo. Martine Rothblatt, tanto per essere veniali, l’anno scorso ha dichiarato circa 38 milioni di dollari che le hanno fatto guadagnare un posto tra i 200 Ad più pagati degli USA.

Stipendi italiani, la metà di quelli tedeschi

La Rothblatt è la prima tra le 11 donne in elenco ma forse, questa posizione privilegiata in classifica è ereditata dalla sua vecchia identità sessuale. La Rothblatt si chiama Martin e fino al 1994 era un uomo. Si è sottoposta a diversi interventi chirurgici, si è sposata trent’anni fa con Bina Aspen (con lei in foto) da cui ha avuto due figli ed entrambe le donne avevano già un figlio ciascuno da una precedente relazione. I bambini lo chiamano ancora “papà”.

Deve licenziarsi perchè troppo bella…

La Rothblatt ha scritto anche un libro dedicato alle differenze di genere in cui dice:

“I genitali sono irrilevanti per il proprio ruolo nella società, come il tono della pelle. Penso che la divisione delle persone tra maschi e femmine sia altrettanto sbagliata come quella in bianchi e neri.”

Tags:

Lascia una risposta