Le 7 cose disgustose che si fanno per amore

6 settembre 2014 13:410 commenti

Per amore saremmo capaci di fare tutto, ma proprio tutto. Una recente ricerca ha evidenziato le 7 cose più disgustose che per amore e soltanto per quello, una persona riesce a fare.

cosedisgustoseamore

Per amare gli altri bisogna prima amare se stessi. Quante volte lo abbiamo sentito ripetere? Bene, chi ama molte se stesso, probabilmente, le cose che stiamo per elencare non sarebbe disposto a farle nemmeno per il proprio partner. Alcune non sono così di cattivo gusto ma di certo non sono nemmeno la prima cosa che ci viene in mente per trascorrere un po’ di tempo tra le coccole. Entriamo nel vivo.

Sabina Began una delle preferite del premier: è stato solo per amore

Massaggiare i piedi. Anche se ci sono dei feticisti che passerebbero ore a toccare i piedi del proprio uomo o della propria donna, il massaggio è qualcosa di diverso, soprattutto se i piedi non sono perfettamente puliti. Ma il massaggio, spesso aiuta l’altro a rilassarsi e quindi chi ama, lo fa.

Spremitura dei brufoli. Tutto parte con la richiesta al partner di controllare cosa si ha magari dietro la schiena. E se c’è un brufolo? La seconda richiesta è quello di farlo fuori, o meglio quello di portare fuori tutto lo schifo che contiene. Anche questo per amore si fa.

Come evitare di rovinare una storia d’amore

Svuotare la lettiera del gatto e chiedere se qualcosa è rimasto tra i denti. Queste due operazioni, in fondo, non sono disgustose, si tratta soltanto di essere più servizievoli del previsto, niente di più.

Pulire il vomito del bambino. Questo, invece, è abbastanza disgustoso, soprattutto per chi non ha lo stomaco forte. Dare una mano al proprio partner in questa attività e magari sostituirlo, è davvero una prova di amore, magari si può soprassedere sul fatto che non è svolta con il sorriso.

Controllare le irritazioni sul corpo e usare il bagno insieme. Queste operazioni non sono il massimo del disgusto ma di certo annullano ogni forma di privacy, anche quella legate all’espletamento dei bisogni. Chi lo farebbe?

Tags:

Lascia una risposta