L’orsa marsicana Morena sta bene e la sua storia fa commuovere tutti

Morena non è più un cucciolo di orso marsicano ma adesso è diventata una orsacchiotta pronta a camminare con le proprie gambe e soprattutto a cacciarsi da sola il cibo di cui ha bisogno. Morena, appartenente ad una specie rarissima e tutta italiana di orsi, fu recuperata dal personale del Parco Nazionale dell’Abruzzo quando pesava appena 2 chilogrammi. Adottata dai guardiani della natura e allevata in un luogo che non è mai stato svelato per evitare così bracconieri, e nella migliore delle ipotesi, i soliti curiosi, Morena ad oggi pesa 23 chilogrammi.

Secondo il personale che si è occupato di quella che per tutti era una orsacchiotta, Morena è pronta a vivere libera in natura e quindi è molto probabile che presto l’orsa tonerà nel suo habitat naturale dopo aver passato lunghi mesi sotto controllo. La liberazione di Morena sarà comunque progressiva visto che l’orsa sarà comunque controllata dai ricercatori attraverso un sistema di monitoraggio.

La sua storia aveva fatto commuovere tutti gli amanti degli animali e non solo. Morena, infatti, era appena un cucciolo quando la madre decisa di abbandonarla. Non saranno mai chiariti i motivi di questo comportamento che è sempre stato definito molto insolito per un’ora. Solitamente, infatti, quello che caratterizza gli orsi è un elevatissimo senso della parentela e soprattutto un alto livello di amore per i propri figli. I genitori, infatti, sono soliti attaccare se si rendono conto che il loro cuccioli sono minacciati e possono correre dei rischi. Ma quel giorno la madre di Morena di comportò in modo innaturale mettendo a rischio la salute dell’orsacchiotta che si salvò solo perchè gli angeli custodi del Parco Nazionale dell’Abruzzo si resero conto che quel cucciolo aveva bisogno di aiuto e amore. La data ufficiale della liberazione di Morena non è stata resa nota ma, considerando anche il meteo e le temperature, è molto probabile che se ne parli per il mese di novembre.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *