Luigi Pirandello celebrato con un doodle

28 giugno 2012 16:390 commenti

Ricorre oggi il 145esimo anniversario della nascita del Premio Nobel alla Letteratura Luigi Pirandello e Google lo celebra con un colorato doodle che si trova sull’home page del motore di ricerca. Il doodle di oggi ritrae il grande drammaturgo-scrittore siciliano molto riconoscibile nei tratti del volto con baffi e pizzetto e con tanto di cravattino. C’è tutto Pirandello nel doodle di oggi: sullo sfondo il sipario di un teatro e fra le mani una maschera, simbolo della sua drammaturgia e della sua poetica.

Pirandello indaga infatti l’identità dell’individuo arrivando a concepire l’inconciliabile dicotomia fra la vita e la forma che costringe l’individuo a indossare una maschera agli occhi altrui. Pirandello era nato in provincia di Girgenti, la moderna Agrigento, il 28 giugno del 1867 dove suo padre, un ex garibaldino, possiede una miniera di zolfo. Dopo aver frequentato l’università a Palermo e a Roma finisce per laurearsi in letteratura all’università di Bonn in Germania. Diventa professore di letteratura a Roma, ma nel 1904 deve affrontare un momento particolarmente difficile a causa del fallimento della miniera del padre e dei disturbi psichici della moglie.


Il successo arriva nello stesso anno con il romanzo Il fu Mattia Pascal. E nel 1924 aderisce al fascismo. Pirandello ricevette il premio Nobel nel 1934 e morì a Roma il 10 dicembre 1936. Autore di diversi saggi, tra cui l’Umorismo, di romanzi (Uno, nessuno e centomila, I quaderni di Serafino Gubbio operatore), Novelle (raccolta in Novelle per un anno), Pirandello è considerato fra i maggiori drammaturghi teatrali del XX secolo, autore di opere come Sei personaggi in cerca d’autore, Così è se vi pare, L’uomo, la bestia e la virtù, Il berretto a sonagli, Enrico IV, Questa sera si recita a soggetto fino all’incompiuto I Giganti della montagna.

Cercando Pirandello in rete, appaiono ben 2.350.000 risultati, a testimonianza del fatto che ancora oggi resta un autore fondamentale nella cultura contemporanea.






Tags:

Lascia una risposta