Madia e Littizzetto, le due docce fredde più criticate

27 agosto 2014 16:260 commenti

Il ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione e la showgirl Luciana Littizzetto hanno partecipato all’Ice Bucket Challange ma le loro docce gelate, per motivi diversi, sono state tra le più criticate del web.

ALS-Association1

L’Ice Bucket Challange è un’iniziativa partita in America per sensibilizzare le persone nella donazione a favore della fondazione che si occupa dei malati di SLA. Anche in Italia si è diffusa in modo virale la battaglia per le donazioni anche se, video a parte, le donazioni sono ancora molto poche.

> Le docce gelate pro SLA valgono già 88,5 milioni di $

E si cimentano nelle docce gelate tanti VIP e tanti politici, tra cui Matteo Renzi e Beatrice Lorenzin. Ma tra i ministri, quella che fa più discutere è senz’altro la Madia.


> Le docce gelate pro SLA di Matteo Renzi e Beatrice Lorenzin

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione ha realizzato un video che è meglio non commentare: appena 5 secondi in cui si fa una doccia gelata ma non parla. Il suo mutismo non è di alcun aiuto alla ricerca e bisogna ancora capire quanti donatori sappia coinvolgere.

L’altro video molto discusso è quello realizzato da Luciana Littizzetto che prima ancora di fare la doccia mostra i suoi 100 euro di donazione che qualcuno reputano sotto misura rispetto al suo reddito. Luciana si fa fare una doccia gelata ma fa la figura della spilorcia. Praticamente ha donato un decimo di quello che ha dato alla ricerca pro SLA Rocco Hunt, il rappar napoletano che invece di postare il video di una doccia gelata, ha fotografato il bonifico di 1000 euro a favore dell’AISLA.






Tags:

Lascia una risposta