Home / Curiosità / Mangiare insetti, ecco l’effetto disgusto ma poi si digeriscono

Mangiare insetti, ecco l’effetto disgusto ma poi si digeriscono

Manca davvero poco e ci potrebbe essere la possibilità di ritrovarsi gli insetti a tavola. Di questo se ne era parlato già nelle scorse settimane, ma la notizia era stata presa davvero con grande scetticismo e anche disgusto dalla maggior parte degli italiani. In realtà sembra che l’interesse per il cibo a base di insetti sia cominciato alcuni anni fa proprio quando l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura Ovvero la Fao, ha cominciato a propagandare il programma edible insect al fine di poter educare le persone a mangiare gli insetti. Questo anche per il semplice fatto che la popolazione mondiale va aumentando a dismisura e la terra rischia di divenire davvero improduttiva. Quindi mangiare insetti potrebbe essere qualcosa di utile nel futuro. Nonostante nelle scorse settimane qualche Fonte aveva dato per certo che l’Italia a breve avrebbe adottato questa novità culinaria, sembra che sia soltanto un pensiero che però al momento non ha alcuna base.

Nonostante all’inizio dell’anno sia entrato in vigore il regolamento (UE) 2015/2283 sui nuovi alimenti che includono anche gli insetti non sembra essere stata fissata una data precisa affinché questi nuovi alimenti possono essere venduti nel nostro paese. Al giorno d’oggi Dunque esiste tanta confusione su questo argomento e per questo motivo è intervenuta una circolare della DGISAN che ha sottolineato come l’autorizzazione di un novel Food per richiesta alla commissione europea che a sua volta dal incarico poi all’Efsa di poter eseguire una valutazione e poi in base ai dati ricavati si decide se rilasciare o meno questa autorizzazione.

Al momento per quanto riguarda il nostro paese, nulla di tutto ciò è avvenuto. Ad andare più nello specifico è stata Antonia Ricci dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale delle Venezie la quale ha spiegato che nello specifico per insetti è prevista una procedura semplificata che richiede comunque alcuni mesi. La stessa spiega come gli interessati devono accompagnare la richiesta con numerosi dati sulla sicurezza per il consumo e poi dimostrare che si tratta di prodotti che fanno parte delle tradizioni culinarie anche in altre parti del mondo.

In Italia dunque non è ancora possibile mangiare ma anche allevare questi insetti tra cui le formiche e grilli, cavallette ai fini propri della produzione alimentare. Intanto negli altri paesi Le cavallette, grilli e talvolta anche gli scarafaggi sono consumati da circa 2 miliardi di persone. In Italia come già abbiamo detto la notizia non è stata accolta con piacere ma piuttosto con disgusto. In realtà secondo uno studio guidato dalla Rutgers University è emerso che il fattore disgusto non abbia nulla a che fare con la nutrizione la digestione o l’evoluzione. Gli insetti potrebbero essere mangiati e digeriti da quasi tutti i primati di oggi compresi gli uomini e questo Quanto hanno riferito i ricercatori della Rutgers University.

Loading...