Max e Helene, una storia d’amore per la Giornata della Memoria

Rai Uno rende omaggio al Giorno della Memoria mandando in onda in prima serata lunedì prossimo il film Max e Helene. La pellicola, diretta da Giacomo Battiato, è stata anche presentata al Memoriale della Shoah di Milano. Un film che certamente è all’altezza per commemorare nel migliore di modi la Giornata della Memoria e lo sterminio di un popolo intero.

GIORNATA DELLA MEMORIA: LE CELEBRAZIONI IN ITALIA

La storia è tratta da un romanzo scritto da Simon Wiesenthal e racconta fatti realmente accaduti. Nel cast troviamo Alessandro Averone, Carolina Crescentini, Ennio Fantastichini e Luigi Diberti. Il filone centrale del film si basa sulla storia del grande amore di due ragazzi durante il dramma dell’Olocausto. Un contesto storico che non potrà non condizionare l’andamento della loro storia d’amore. Siamo nella Venezia del 1944: Max Sereni è uno studente di medicina ebreo, la cui famiglia è stata deportata. Il giovane vive nascosto in una soffitta ma non vuole scappare dalla sua città per restare vicino ad Hélène, la ragazza che ama, figlia del console onorario francese, nonché fascista antisemita. Le differenze sociali e politiche non possono non condizionare la loro storia d’amore creando problemi ed insidie. Tra i sentimenti non c’è solo l’amore quindi ma anche la rabbia e il desiderio di giustizia e di vendetta durante la ricerca di un potente e sadico criminale nazista.

Ovviamente la messa in onda di questo film in questo particolare periodo dell’anno non è un fatto casuale: il 26 gennaio ricorre infatti l’anniversario dei 70 dall’apertura dei cancelli di Auschwitz. E per quella data Rai Uno ha in serbo anche un altro appuntamento con la storia e con la memoria: andrà in onda, subito dopo il film, il documentario “Night Will Fall”. Si tratta di una ricostruzione della seconda guerra mondiale, dalle battaglie alla fine dei conflitti, che contiene anche molte riprese reali fatte dai soldati negli accampamenti e poi montate in seguito dalle mani sapienti di Alfred Hitchcock.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *