Miliardi di pianeti come la Terra nella Via Lattea

29 marzo 2012 19:301 commento

pianeta parente prossimo della Terra“È praticamente ovvio che esistano altre forme di vita”, cantava Morgan in una delle canzoni più famose dei Blu Vertigo. Ovvio perché  impensabile per il cantante che, nella vastità infinita dell’Universo, la Terra sia l’unico luogo in cui siano venute a crearsi le condizioni favorevoli alla vita. Ma la scienza non si accontenta di intuizioni e così un team internazionale di astronomi sta da anni studiando i dati ottenuti dall’Harps (high accuracy radial velocity planet searcher), uno spettrografo montato su un telescopio di 3,6 metri di diametro dell’ESO (European Southern Observatory) situato a La Silla, in Cile, alla ricerca di pianeti che condividano con la Terra alcune delle caratteristiche che la rendono abitabile.

Dallo studio, pubblicato su Astronomy and Astrophysics, è venuto fuori che nella sola Via Lattea esisterebbero almeno 10 miliardi di esopianeti adatti ad ospitare la vita. Al sorprendente dato il team di astronomi è arrivato analizzando un campione di 102 nane rosse (stelle più deboli, fredde e longeve del Sole) che costituiscono circa l’80% di tutte le stelle della nostra galassia: intorno al 40% di queste stelle c’è almeno un pianeta roccioso con massa da una a dieci volte superiore a quella della Terra che orbita nella zona abitabile, ossia alla distanza giusta affinché l’acqua possa essere presente allo stato liquido. Se si considera che nella Via Lattea le nane rosse sono circa 160 miliardi, ecco che il numero di pianeti indiziati per essere la culla di possibili forme di vita extraterresti diviene davvero enorme.

Uno dei pianeti scovati da Harps nelle vicinanze delle nane rosse è Gliese 667 Cc, che pur avendo una dimensione quattro volte quella della Terra ne è, a parere degli esperti, il parente più prossimo poiché presenta tutte le condizioni adatte all’esistenza di acqua allo stato liquido sulla propria superficie. L’intoppo all’esistenza della vita su questi pianeti è dato dal fatto che, essendo le nane rosse più fredde del Sole, essi devono necessariamente essere più vicini alla propria stella di quanto lo sia  la Terra. Ciò li esporrebbe infatti ad inondazioni di raggi X o ultravioletti provenienti dalle eruzioni stellari che sono frequenti nelle nane rosse.

Tags:

1 commento

  • In un passato di 5/6mila anni fa che le galassie siano più vicine una ad altra quindi c’era più possibilità di una visita dalla vita extraterrestra?

Lascia una risposta