Nasce il proiettile intelligente

15 febbraio 2012 12:530 commenti

Ricordate i simpatici proiettili autoguidanti di “Chi ha incastrato Roger Rabbit”?
Due ricercatori del Sandia National Laboratories, Jones e Cast, hanno realizzato un proiettile intelligente che a centrare il suo bersaglio anche a due chilometri di distanza.
Il proiettile è dotato di un sensore ottico al laser che guida il proiettile verso il bersaglio.
La novità principale di questo proiettile è la rinuncia alla rigatura della canna, che come si sa fornisce la stabilità giroscopica al proiettile.
Con questo nuovo tipo di munizioni invece la rigatura una limitazione e compromette la stabilità stessa, che è invece data da piccole e continue correzioni ordinate dal sensore ottico a delle speciali alette poste sui lati del proiettile.
La centralina che gestisce il volo riesce a elaborare fino a 30 correzioni al secondo.
Il nuovo proiettile ha ancora dei costi elevati, ma i ricercatori credono di poter drasticamente abbassarli entro poco tempo. Questa filosofia di risparmio d’altra parte è già alla base della ricerca. Proiettili costosi infatti, seppur precisi, non troverebbero grosse fette di mercato.






Tags:

Lascia una risposta