Home / Curiosità / Pino Daniele: Napoli gli dedica un vicoletto e non una piazza, fratello è deluso

Pino Daniele: Napoli gli dedica un vicoletto e non una piazza, fratello è deluso

Napoli ha celebrato nel migliore dei modi l’anniversario della scomparsa del cantante Pino Daniele che moriva lo scorso 4 gennaio 2015 lasciando un vuoto incolmabile nel panorama musicale italiano e nella città partenopea. Le iniziative volte a ricordare il grande cantante sono state innumerevoli e molte manifestazioni hanno visto la presenza di Giovanni Daniele, il fratello di Pino. Il ricordo di Giovanni ha fatto sciogliere dalle lacrime tutti i presenti. Durante la cerimonia di inaugurazione di una scultura metallica raffigurante una chitarra modello Paradise che era la fedele compagna di passione e di lavoro di Pino, Giovanni ha affermato che nonostante sia già passato un anno dalla morte del cantante, spesso prova ancora in grande senso di vuoto.

Le sue parole “mi manca Giuseppe Daniele non Pino Daniale” hanno fatto commuovere tutti i presenti mostrando il profondo legame che univa i due fratelli.

Toccante anche un’altra cerimonia che si è tenuta in piazza del Plebiscito e che ha visto la presenza di numerosi fans del musicista tutti muniti di chitarra. In centinaia, tutti espressione della Napoli popolare e genuina, si sono trovati nella piazza partenopea per eccellenza, ricordando a modo loro il grande Pino Daniele. Da Piazza del Plebiscito, infatti, si sono levate al cielo le canzoni e le musiche che più hanno contraddistinto la carriera del cantante. Anche nel flash mob di Piazza del Plebiscito non sono mancati momenti davvero commoventi che hanno catturato tutti i presenti.

A Pino Daniele è stata dedicata una strada nella zona vecchia di Napoli ma in questo caso non è stata tanto la commozione quanto la polemica a farla da padrona. Il fratello Giovannio, infatti, non ha nascosto un pizzico di delusione per la decisione del comune di Napoli che a quello che è uno dei suoi figli più rappresentativi si è limitato a dedicare un vicolo e non una piazza ma si confida che nel futuro Pino abbia, anche su questo fronte, il giusto riconoscimento.