Quando Razzi ha detto che avrebbe liberato i marò

11 settembre 2014 15:510 commenti

Antonio Razzi è un personaggio, in tutti i sensi, tanto da meritarsi perfino un’imitazione dell’esilarante Maurizio Crozza. Adesso Razzi, telefonando a La Zanzara, il programma di Radio24, ha dato la sua ricetta per la liberazione dei marò in India.

antonio-razzi-diventa-attoreo-forse-no

La ricetta di Razzi per la liberazione dei Marò è semplice: bisogna dare il passaporto a Berlusconi, così l’ex premier va in India e risolve tutto perché soltanto lui li può liberare. Non è chiaro quali poteri Razzi attribuisca a Berlusconi ma se questa soluzione dovesse sembrare eccessiva, il senatore ha già un’alternativa che non si vergogna di proporre:

“Se vogliono vado in missione in India, come faccio in Corea.”

Indagati Scilipoti e Razzi per compravendita parlamentari


Che tipo di missione? Razzi, dalle parole dette in radio sembra non aver capito e non voler capire la diplomazia indiana ma confida nella forza del dialogo che dovrebbe consentire il passaggio dalla teoria alla pratica. Razzi aveva tirato in ballo la Corea del Nord, sembrando ad alcuni inopportuno. E’ stato lì con Matteo Salvini e dice che non ci sono decapitazioni su modello dell’ISIS e inoltre dichiara di non credere a chi dice che a Pyongyang ci sia la pena di morte come negli Stati Uniti.

Obama spiega alla nazione l’offensiva aerea contro l’Is

Per fortuna Obama, pronto ad attaccare la Siria e a combattere contro l’asse del terrorismo che include anche la Corea del Nord, non dà peso alle parole di un Senatore della Repubblica e per entrare in relazione con il nostro Paese usa altri interlocutori.
Tra l’altro, come spiega Razzi, è assurdo ma la Boldrini non ha pagato il suo viaggio diplomatico con Salvini in Corea del Nord. È stato tutto offerto dai nordcoreani.






Tags:

Lascia una risposta