Quanti soldi servono per essere veramente felici?

20 agosto 2014 15:330 commentiDi:

soldi

Vi sono paesi del mondo in cui un bene immateriale e volatile come la felicità compare tra i diritti sanciti dalla Costituzione e l’ottenimento di un migliore tenore di vita, attraverso l’accumulo di beni materiali e ricchezze, viene legittimamente considerato uno dei pilastri fondamentali dell’ordinamento sociale. 

Gli uomini più ricchi del mondo nel 2014 secondo Forbes

Questo paese, ovviamente, è l’America, dove i sogni sono soliti diventare realtà. Ma la recente diffusione della crisi economica globale ha operato un ridimensionamento delle pretese anche oltreoceano e per questo motivo persino gli americani, in merito al controverso rapporto tra felicità e ricchezza, approdano oggi su posizioni forse più simili a quelle europee.

Meglio lavorare solo tre giorni a settimana fino a 75 anni per Carlos Slim


In Europa un vecchio proverbio diffuso in molte nazioni recita che i soldi non danno la felicità. Eppure i ricercatori dell’Empire State College – nella State University di New York – sono pronti a dire la loro anche su questo antico adagio, apportando qualche lieve modifica.

Per essere veramente felici, secondo gli studiosi, non è necessario né essere milionari, né essere assolutamente poveri. La vera felicità sta in un tenore di vita agiato ma medio, che secondo gli standard statunitensi si potrebbe concretizzare alla soglia dei 75 mila dollari annui – che in Italia e in Europa corrisponderebbero a circa 56 mila euro l’anno. 

Le persone che hanno un reddito superiore a questa cifra, sono solite essere stressate dal pensiero della loro ricchezza e da uno stile di vita maggiormente logorante, mentre coloro che guadagnano meno sono afflitte dal problema inverso, quello dei debiti e della mancanza delle risorse.

Per vivere in serenità, quindi, a detta degli psicologi americani, non è necessario essere dei paperoni costretti a sacrificare gli aspetti più gratificanti della vita, come le amicizie e i rapporti umani, ma vivere una vita dignitosa lontana dagli eccessi del consumismo. In fondo i concetti di paupertas e aurea mediocritas in Occidente hanno radici antiche.






Tags:

Lascia una risposta