Home / Curiosità / San Valentino hot: come accendere la passione

San Valentino hot: come accendere la passione

Romanticone o no il finale che tutte le ragazze si augurano per il giorno di San Valentino è sempre lo stesso: piccante e a luci rosse! Come accendere la passione in questa magica serata? Tipicamente il genere maschile alla vista di una donna vestita in modo sexy, fisicamente procace e dall’armonia del suo volto riceve una forte scarica di adrenalina, scarica che arriva anche in seguito ad un sorriso, ad uno sguardo. Ovviamente parliamo in generale, gli uomini sanno anche andare oltre questi stimoli visivi.IL LATO HOT DI SAN VALENTINO-Quindi per riscaldare la serata di San Valentino sicuramente dovremo puntate su gesti, parole, atteggiamenti che possano piacere loro. Che sia un certo modo di vestire, di mangiare, di parlare, una certa intonazione della voce o ancora una scollatura o un profumo. Allora per prepararci al meglio per questa serata e sperare nel lieto fine di un film che scriverete a due mani ecco a voi dei semplici e veloci suggerimenti. Partiamo con il menù della cena: cibo afrodisiaco? Sì certo a patto che possa piacere al nostro compagno. Se possibile spazio a ostriche, zafferano e peperoncino. Occhio all’abito della serata: tutto deve ruotare attorno ad un obiettivo, quello di gratificare il partner. Quindi cercare una lingerie che possa donarvi e contemporaneamente allietare la vostra dolce metà. Ricordate il pizzo fa sempre un certo effetto! Mettete il vostro fidanzato o compagno o marito che sia al proprio agio, magari iniziate con un massaggio, accarezzategli i capelli (non troppo però, altrimenti potrebbe rilassarsi tanto al punto di addormentarsi e quindi dovremmo dire addio a tutti i nostri sogni di gloria!). Per scatenare la sua fantasia potreste mettere una canzone particolare (la vostra canzone oppure qualcosa che in qualche modo susciti delle forti emozioni), creare una certa atmosfera con delle candele o con dei profumi particolari, assaporare il dolce sul divano. Insomma andate ad intuito, anche perché conosciamo bene i nostri polli!

Loading...