Sanremo quest’anno spicca Il Volo con Ginoble, Barone e Boschetto

Il trio di giovani tenori lanciati dal programma Ti lascio una canzone ha spiccato Il Volo a Sanremo 2015: sono loro i vincitori annunciati della 65sima del Festival. Nonostante le polemiche della critica Grande Amore era stata apprezzatissima dal pubblico a casa e in molti sostenevano già dopo la prima puntata di aver trovato il vincitore.

E questa volta non è il solito risultato scontato da talent show: non si può certo dire che a votare siano state solo le ragazzine. Questi tre giovani talenti hanno meritato gli applausi del pubblico di tutte le età. Già nella conferenza stampa i tre (alias Gianluca Ginoble, Piero Barone e Ignazio Boschetto) sono stati accolti da qualche mugugno dei giornalisti che avrebbe preferito al primo posto Malika Ayane, terza classificata, e soprattutto Nek, piazzatosi terzo. Il sostegno per quest’ultimo è stato evidente quando a fine puntata Carlo Conti ha confuso la sua iniziale con quella di Nina Zilli annunciando Nek tra gli eliminati. Ed è stato Nek anche a portare a casa infatti il premio per il miglior arrangiamento e il Premio della Critica Mia Martini ad Adesso e qui – Nostalgico Presente. Il più impulsivo dei tre è stato Ginoble che spinto anche dalla sua giovane età è sbottato: “il popolo è dalla nostra parte. Non vedevamo l’ora di far vedere agli italiani chi siamo e possiamo dire che ce l’abbiamo fatta. Ma le critiche non sono state clementi nei nostri confronti e questo ci ha ferito “; ma poi più diplomaticamente Boschetto ha concluso: “Non possiamo piacere a tutti e rispettiamo chi ci critica ma speriamo che anche a noi sia portato quel rispetto che si deve a chi fa questo lavoro e porta la musica italiana nel mondo. Dicono che facciamo un genere vecchio, non adatto a ragazzi e alla nostra età: si sbagliano. Forse è più vecchio pensare una cosa del genere che dare a noi degli anacronistici. Mi vengono in mente Vasco Rossi, Zucchero e lo stesso Andrea Bocelli che quando venne qui, fu guardato dall’alto in basso. Speriamo allora che le vostre critiche abbiano lo stesso effetto che hanno avuto su di loro e ci aiutino a crescere”.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *