Scuola cattolica licenzia insegnante perché incinta ma non sposata

7 aprile 2012 08:000 commenti

Un’insegnante di 32 anni ha perso il suo lavoro perché incinta. L’episodio è accaduto negli Stati Uniti, precisamente nello stato del Cincinnati, e non è un “semplice” licenziamento dovuto ad una gravidanza come purtroppo spesso accade. Il fatto che la donna, Christa Dias, un’insegnante di informatica, fosse incita non rappresentava un problema. Il problema, è infatti, subentrato quando si è diffusa la voce che Christa non fosse sposata e che il bambino in arrivo era frutto di un’inseminazione artificiale.


L’istituto cattolico nel quale insegnava ha reputato la donna immorale e l’arcidiocesi alla quale la scuola si era rivolta ha fatto sapere tramite un portavoce che i genitori che mandano i propri figli in una scuola cattolica si aspettano che essi vivano in un contesto che riflette a pieno la dottrina morale cattolica, di conseguenza anche coloro che lavorano nelle strutture in questione devono seguire, o quanto meno rispettare, questo tipo di pensiero. La vicenda è accaduta nel 2010 e ora Christa chiede un risarcimento alla scuola.






Tags:

Lascia una risposta