Sei suggerimenti per non spiare la propria donna quando si sospetta il tradimento

20 dicembre 2013 18:120 commenti

tradimento_uomo

Quando cerchi di spiare il sospetto coniuge infedele, assicurati di prendere in considerazione tutte le possibilità che si possono incontrare e se è possibile gestirle.

 

 

Hai preso in considerazione le molte situazioni che lo spionaggio potrebbe portare alla luce? Riesci ad immaginare la cosa peggiore che si potrebbe trovare? Prevedi quale sarà la tua risposta alla peggiore delle ipotesi. Sei pronto? Ecco alcune domande specifiche da porsi:

 

 

1) Ho amici cui poter contare sul sostegno se scopro il peggio? Sanno che potrei averne bisogno? Ho detto loro esattamente come potrebbero aiutarmi? Ho la capacità di tirarmi indietro dalle emozioni profonde e non impantanarmi o perdermi in pensieri e sentimenti distruttivi?

 

 

2) Come ho gestito il dolore emotivo in passato? Che cosa succede se diventa quasi insopportabile? Se ho incontrato il male emozionale peggiore possibile e il dolore, ho un terapeuta su cui posso contattare immediatamente e vederlo presto per aiutarmi attraverso i punti fondamentali?


 

 

3) Vedo i segni di un coniuge infedele. Quale sarà la mia strategia per quello che ho trovato? Ho una strategia per i diversi scenari? Ho una strategia per affrontare o non affrontare il mio coniuge? Come, quando e in quali circostanze io affronterò lui / lei?

 

 

4) Che tipo di strategia avrò per la cura di me? Cosa devo fare per farmi un po’ funzionare in modo efficace?

 

 

5) Ho un allenatore o un qualcuno obiettivo che sa di mariti e mogli infedeli e che mi possa aiutare a sviluppare strategie e obiettivi per il confronto e la cura di me? Qualcuno che mi tenga concentrato e mi faccia lavorare su queste strategie e obiettivi?

 

 

6) So che tipo di relazione potrei trovarmi ad affrontare? Conosco la prognosi per questo tipo di relazione? Mi sono istruito sulle relazioni e su che cosa devo fare per risolvere in modo efficace e passare oltre questa crisi?






Tags:

Lascia una risposta