Sexy barista di Brescia promette spogliarello pubblico per il Brescia in serie A

11 aprile 2012 08:210 commenti

Laura Maggi torna al centro dell’attenzione: è lei la sexy barista che poche settimane fa è finita al centro del gossip a causa delle proteste delle donne di Bagnolo Mella, piccolo centro nel bresciano. La barista è salita agli onori della cronaca dopo essere stata convocata dai carabinieri del posto a causa della denuncia del sindaco (donna) che lamentava problemi di ordine pubblico.

Il bar di Laura è pieno di clienti rigorosamente uomini: le pareti del locale sono tappezzate di foto sexy della barista in cui appare praticamente seminuda e per lavorare la ragazza sembra che indossi abiti molto succinti. I clienti affollato il bar e le donne protestano furiosamente per gli atteggiamenti lascivi della bella proprietaria che conosce i trucchi per attirare la clientela.

Intanto Laura si gode l’ottimo giro d’affari del suo locale ed escogita un nuovo piano per poter far parlare di sé e aumentare i profitti del suo bar. La sexy barista ha infatti promesso uno spogliarello integrale nel caso in cui il Brescia riuscisse a conquistare la serie A. Ovviamente a spogliarsi sarà lei e lo strip (se mai avverrà), avrà luogo ovviamente nel suo locale.

TUTTE LE FOTO DELLA SEXY BARISTA

Gli introiti extra ovviamente non mancheranno, ma d’altra parte Laura non si è inventata nulla di nuovo: quasi dieci anni fa Sabrina Ferilli promise uno spogliarello nel caso in cui la Roma fosse riuscita ad aggiudicarsi lo scudetto. Allora l’attrice, che pure aveva posato per diversi calendari sexy, optò per uno striminzito bikini color carne, ma senza dubbio l’impatto mediatico fu notevole.

Laura Maggi approfitta del suo momento d’oro assicurando che in realtà non è tanto interessata alle entrate economiche, quanto alla possibilità di poter soddisfare la sua malcelata voglia di esibizionismo. E solo due settimane fa ha conquistato anche la copertina di Playboy posando per un servizio in cui appare, guarda caso, svestita da coniglietta.

Tags:

Lascia una risposta