Home / Curiosità / Suicida a 16 anni perché credeva nella fine del mondo

Suicida a 16 anni perché credeva nella fine del mondo

Una povera adolescente di Neston ha messo fine ai suoi giorni per un’assurda convinzione. La ragazza, di nome Isabel Taylor, era convinta che di lì a pochi mesi il mondo sarebbe finito a causa di una catastrofe nucleare che avrebbe disintegrato ogni cosa ed ogni essere vivente sulla terra. La ragazza si è suicidata impiccandosi nella casa in cui viveva con i suoi genitori. Già da tempo la ragazza era ossessionata da ipotesi di complotti mondiali, cataclismi e morte. Continue erano le ricerche sul web, tramite cui le sue idee si rafforzavano.

Nel suo vivere quotidiano era diventata triste, spenta e senza energia, i suoi discorsi sembravano assurdi agli occhi dei genitori Ingrid e Gray, che mai però, avrebbero pensato che la ragazza potesse compiere un atto così estremo. Secondo i genitori la loro figlia non vedeva un futuro e la sua idea di un’imminente apocalisse era così radicata nella sua memoria da renderle impossibile l’attesa. Probabilmente la povera Isabel, vittima di se stessa, ha preferito farla finita subito.

Loading...