Tatuaggi digitali visibili solamente con lo smartphone

27 agosto 2013 11:060 commenti

chiprfd

Appare abbastanza originale il progetto dell’artista Anthony Antonellis, che ha pensato bene di superare la vecchia idea di tatuaggio facendo installare nella sua mano un piccolo chip Rfid in grado di mandare un disegno luminoso ad uno smartphone. Un tatuaggio virtuale che può essere visto solo mediante un telefonino.

L’era dei disegni sulla pelle o dei piercing invasivi, dunque, potrebbe finire presto. D’altronde, per realizzare un simil tatuaggio la procedura è semplice. Antonellis si è fatto incidere il dorso della mano dove poi è stato infilato il microchip, dalla grandezza di un chicco di riso e dalla memoria di un kilobyte. L’apparecchio poi trasmette ad uno smartphone un impulso che corrisponde ad una gif animata, visibile mediante l’apparecchio.

Stando ad Antonellis questa tecnologia consentirà di diffondere testi, disegni, file midi ed immagini. Gli artisti infileranno nel loro corpo i chip e gli spettatori potranno leggere i contenuti attraverso i loro smartphone.

L’artista ha rinominato questa sua intuizione “tatuaggio digitale”. Non parliamo però della prima persona che si è fatta applicare il chip Rfid, un apparecchio in grado di rispondere in radiofrequenza a “stimoli” provenienti dall’apparecchio lettore, in questo caso uno smartphone. Kevin Warwick, professore di cibernetica all’università di Reading, in passato ha provato ad infilarsi tale apparecchio nel braccio con l’obiettivo di controllare tutti gli apparecchi elettronici intorno a sé.

Tags:

Lascia una risposta