Titanic senza censura per la prima volta: ecco la scena vietata

Titanic come non lo avete mai visto: è stato pubblicato in rete il video con la scena del film che venne censurata. Non si tratta, come all’inizio era stato detto, di un incontro troppo hot tra Rose e Jack ma di una battuta, affidata al personaggio di Mooly, ritenuta di cattivo gusto per la drammaticità del momento e soprattutto in considerazione del fatto che la pellicola racconta eventi realmente accaduti e quindi meritevoli di rispetto nella trasposizione cinematografica. Nessun grande scandalo dietro la famosa battuta censurata, quindi ma solo la necessità di rispettare quello che è veramente avvenuto su quella nave che poi è entrata nella storia.

DATE MALEDETTE: LA CONCORDIA ESATTAMENTE 1000 ANNI DOPO IL TITANIC

Era stato proprio il regista, attualmente impegnato nel sequel di Avatar, ad autocensurarsi. Uno stop del tutto volontario, quindi.

Durante la fase di montaggio. Siamo nel momento critico del film, quello in cui la nave impatta tragicamente l’iceberg. Nella versione originale del film, proprio in quell’istante drammatico, si vedeva Kathy Bates “Molly Brown”, alzare il bicchiere vuoto e chiedere altro ghiaccio. James Cameron, dall’alto della sua esperienza, deve essersi reso conto che una simile battuta di cattivo gusto avrebbe potuto compromettere tutto il film e quindi ha deciso di tagliarla. Una scelta evidentemente premiata dagli incassi record del film, che è stato apprezzato anche proprio per il modo in cui ha saputo raccontare la tragedia del Titanic. A ben vedere non è tanto la battuta in sé ad aver meritato la censura tanto il fatto che la frase viene pronunciata proprio nel momento esatto in cui l’iceberg impatta la nave: e alle spalle della signora Molly compare proprio ben visibile l’iceberg, l’enorme pezzo di ghiaccio che di lì a breve avrebbe affondato la sfortunata nave partita per il suo attesissimo primo viaggio ufficiale. Da tempo circolavano indiscrezioni sui tagli che Cameron aveva imposto alla pellicola: a guardare questa scena viene proprio da dire che ha fatto bene ad optare per un racconto più sobrio e rispettoso degli eventi.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *