Home / Curiosità / Una civiltà aliena a 1.481 anni luce da noi? Lo strano caso della stella “intermittente”

Una civiltà aliena a 1.481 anni luce da noi? Lo strano caso della stella “intermittente”

C’è qualcosa di strano nello spazio, più esattamente a 1.481 anni luce da noi, in una stella denominata KIC 8462852, che si trova tra la costellazione del Cigno e quello della Lira. L’ha osservata a lungo il telescopio spaziale Kepler e lo stesso hanno fatto gli scienziati, monitorandola e cercando di capire il mistero di quella intermittenza: ciò che è strano, infatti, è che da questa stella siano stati individuati cali e rialzi della luce decisamente irregolari e a volte anche molto forti, come se un’altra civiltà avesse costruito enormi strutture che passano davanti al loro sole. Ok, siamo passati dalla scienza alla fantascienza, e gli stessi scienziati affermano che quella degli alieni è proprio l’ultima spiaggia, ma di certo il mistero si fa affascinante. Non sarebbe certo la prima notizia che parla di messaggi di civiltà aliene poi bellamente smentite: come quando nel 2012 si parlò di uno strano codice contenente 31 messaggi alieni che poi non si rivelò essere altro che uno scherzo interno alla National Security Agency, o come quando nel 2013 si parlò di vita unicellulare aliena presente su un meteorite in Sri Lanka, notizia che però venne presto archiviata come bufala.

Qui, prima di parlare di alieni, si devono fare le dovute considerazioni, anche se il mistero della stella intermittente rimane e anche gli scienziati e gli analisti stanno cercando di venirne a capo. Ciò che è stato visto, comunque, non dipende da un qualche malfunzionamento del telescopio Kepler: non vi è nessuna disfunzione, Kepler funziona correttamente e quella stella è davvero intermittente.

Il professor Jason Wright della Penn State University, intanto, ha rivelato che scriverà un report cercando di dare più informazioni possibili su questa stella e tentando di venire a capo del mistero. “La spiegazione degli alieni dovrebbe essere sempre l’ultima ipotesi”, ha voluto precisare Wright, “ma in questo caso qualcosa fa pensare a strutture realizzate da altre civiltà“. Affascinante, vero?