Uomo accusato di nascondere una bomba nella tasca dei jeans, ma in realtà era solo il suo pene

19 luglio 2012 08:000 commenti

Un ignaro viaggiatore è stato scambiato, qualche giorno fa, per un terrorista ed è stato accusato e tempestivamente fermato con l’accusa di custodire un pacco bomba. L’increscioso, ma bizzarro fatto si è verificato all’aeroporto di San Francisco. L’uomo, protagonista della storia, si chiama Jonah Falco ed era in viaggio verso New York.  Al momento del check in, Jonah è stato fermato da un agente della polizia, il quale gli ha chiesto le sue tasche del pantalone fosse piene.

Successivamente è stato fatto passare attraverso un body scanner per verificare se quanto detto fosse e vero e solo allora l’uomo è stato creduto. In realtà, l’equivoco è nato per una fatto ben preciso: Jonah, infatti, è entrato qualche anno fa nel guinness dei primati per il pene più lungo. Ciò che era stato scambiato per un possibile pacco bomba era, dunque, il suo pene, che secondo l’uomo era a sinistra e non era neanche eretto.

Tags:

Lascia una risposta