Uomo nato senza di pene lo avrà ricostruito dal braccio

19 marzo 2013 10:440 commenti

Il braccio di un uomo sarà utilizzato per risolvere il suo problema relativo al pene.

Costui è Andrew Wardle, un uomo di trentasette anni britannico che è nato senza pene. Wardle sarà sottoposto a ben tre interventi chirurgici durante il prossimo anno così da favorire l’installazione di un organo sessuale maschile sul suo braccio.

A fornire la notizia è il “Sun“.

Il quotidiano britannico ha raccontato la storia di Andrew Wardle. Vale la pena conoscerla.

> Sesso orale al bancomat, ripresi da un video

Wardle è nato con una vescica ectopica, il che significa che essa si trova al di fuori del suo corpo. Si stima che trenta milioni di uomini siano nati nelle medesime condizioni. Avere una vescica ectopica vuol dire avere di solito una piccola piega della pelle, a meno di un pollice di lunghezza, al posto del pene.

Al termine di numerose operazioni di correzione della vescica e dopo molti problemi ai reni, ora a Wardle è stato concesso di urinare attraverso un tubo.

Andrew Wardle non ha mai vissuto bene dal punto di vista morale la sua ‘condizione’. Ha tentato anche il suicidio qualche anno fa a causa della sua virilità mancante. Ora, Wardle ha una speranza in più: il medico che lo ha visitato gli ha detto che sarà possibile fabbricare un membro di funzionamento.

 

Tags:

Lascia una risposta