Visto in edicola con le barzellette gay

25 agosto 2014 10:390 commenti

In edicola è uscito Visto con un allegato di cattivo gusto, vale a dire un piccolo libricino con le “migliori barzellette gay”. Sui social network è scoppiata immediatamente la polemica grazie all’utente Uzzo.

Uzzo su twitter posta una foto di Visto con l’inserto dedicato alle barzellette sugli omosessuali e commenta: “I rotocalchi che ci meritiamo. Complimenti!” Basta questa frase ad infiammare la polemica.

> La legge italiana contro l’omofobia

Il settimanale Visto, dall’anno scorso, è edito dalla Prs di Alfredo Bernardini de Pace, mentre fino all’anno scorso faceva parte del gruppo RCS. Vicende societarie a parte, nel numero in edicola la scorsa settimana alla rivista era abbinato il libro “Le migliori barzellette gay”. Non si tratta certo di una novità visto che il volume in questione è edito nel 2012 da parte di “Edizioni & Comunicazione” all’interno della collana “Come fare ridere”.

Su Twitter la polemica si è infiammata subito e sono stati tantissimi i cinguettii di protesta che invitavano la rivista a ritirare le copie con l’allegato. Su Change.org è stata creata anche una petizione a riguardo.


> Aggressioni omosessuali i casi più recenti

Tanto per capire il tenore delle barzellette, riportiamo di seguito quella presente sulla copertina del libretto:

Un uomo dice ad un amico: “Ti va di giocare a nascondino?”
E l’altro risponde: “Ok, se mi trovi mi puoi violentare. Se non mi trovi… sono nell’armadio”.

Il direttore della rivista, intervistato da SkyTG24 ha dichiarato che la redazione non era al corrente dell’iniziativa dell’editore ed ha espresso il suo “schifo” per l’accaduto promettendo che avrebbe richiesto il ritiro del volume. Il direttore generale di Prs, invece, ha replicato alle polemiche spiegando deciso che:

“Difendo e rivendico la scelta di allegare a Visto opere di barzellette su varie tematiche, tra le quali anche i gay, che non sono più un argomento tabù. A discriminare, piuttosto, è chi pensa il contrario. A questo punto dovrebbero offendersi anche i carabinieri e le mogli tradite.”






Tags:

Lascia una risposta