Home / Diritti del cittadino / Comune paga danni per buche sulla strada

Comune paga danni per buche sulla strada

buche stradaA quanti automobilisti è capitato di incappare in buche profonde e insidiose, a volte rese invisili da pozze di acqua piovana, responsabili di gravi danni alle autovetture, ma soprattutto alla persona.

La buca può infatti diventare l’assassina di un ciclista o di un motociclista, che  transitando in una strada in cattive condizioni, soprattutto dopo una giornata di pioggia, potrebbe incorrere in un incidente mortale.

A chi rivolgersi per il risarcimento danni causati da una cattiva manutenzione della strada, dall’asfalto killer?

La recente sentenza n. 1691 del 23 gennaio 2009 della Corte di Cassazione,  ha individuato la resposabilità della cattiva manutenzione delle strade al comune territorialmente competente.

La sentenza ha riguardato il Comune di Roma:

“La presunzione di responsabilità per il danno cagionato dalle cose che si hanno in custodia, stabilita dall’art. 2051 c.c., è applicabile nei confronti dei Comuni, quali proprietari delle strade del demanio comunale, pur se tali beni siano oggetto di un uso generale e diretto da parte dei cittadini, qualora la loro estensione sia tale da consentire l’esercizio di un continuo ed efficace controllo che sia idoneo ad impedire l’insorgenza di cause di pericolo per i terzi”.

Le decisioni precedenti, di primo e secondo grado, avevano assolto l’amministrazione del comune di Roma da ogni responsabilità.  Secondo la Cassazione,  invece,  i danni dovrà risarcirli il Comune. 

La giustificazione resa dal comune, ossia la mancanza di fondi sufficienti alla manutenzione delle strada,  non è un fattore determinante, atto a mettere a  rischio la sicurezza dei cittadini.

Se una determinata carreggiata è aperta alla circolazione, a questa deve essere effettuato periodicamente, ogni intervento di manutenzione con il ripristino delle maledette buche.

Il Comune ha la piena responsabilità della messa in sicurezza delle strade e delle eventuali conseguenze, dovute all’insorgenza di cause di pericolo per i cittadini.

Il Comune è sempre tenuto a rispondere, quale organo diretto, anche nel caso di inadempimento, da parte di aziende private appaltanti.

Loading...