Home / Diritti del cittadino / Controlli invalidi anno 2011

Controlli invalidi anno 2011

L’INPS è incaricato, per legge, di effettuare nel corso dell’anno 2011,  250 mila verifiche straordinarie sulla permanenza dei requisiti sanitari degli invalidi civili che percepiscono provvidenze economiche.

Queste vanno a sommarsi ai 200 mila accertamenti effettuati nel 2009 e ai 100 mila nel 2010. 

Nel 2009 i criteri di verifiche erano stati definiti con decreto interministeriale. Lo scorso anno, invece, le regole le aveva stabilite l’INPS,  restringendo il campo per età (18-67 anni) e per epoca di accertamento dell’invalidità (prima del 2007). 

Dal messaggio 6763 che la Direzione Generale dell’INPS ha inviato, il 16 marzo, alle proprie Direzioni Regionali individua quali criteri per l’anno 2011: un nuovo, diverso e ampio bacino di persone che saranno sottoposte a visita.  

L’INPS sottoporrà a verifica gli invalidi civili, ciechi civili e sordi, titolari di provvidenze economiche, il cui certificato di invalidità preveda una revisione fra luglio e dicembre 2011. 

L’INPS motiva questa scelta come un’azione a vantaggio del Cittadino: “Allo stato attuale, le procedure operative applicate evidenziano una situazione di diffusa criticità con particolare riguardo ai tempi di definizione delle revisioni, derivante soprattutto dal diversificato utilizzo a livello territoriale delle procedure telematiche da parte delle ASL”. 

In effetti, la prassi adottata dalle ASL, per i verbali per i quali è prevista una revisione, è molto disomogenea: in alcuni casi il Cittadino viene convocato a visita in tempi utili; in altri è il Cittadino stesso ad attivarsi. 

“In tali frangenti i cittadini interessati subiscono notevoli e rilevanti disagi, in quanto, alla data di scadenza, le prestazioni economiche loro riconosciute vengono immediatamente sospese e tali rimangono finché non sia completato l’intero iter procedurale di revisione”. Sottolinea l’Inps.

Infatti alla scadenza della data di revisione il Cittadino perde lo status di invalido o di persona con handicap, finché quelle condizioni non verranno ridefinite.

Loading...