A Natale si registra un calo dei consumi

27 dicembre 2012 14:390 commentiDi:

 

 

 

 

Per quanto riguarda i consumi, questo Natale è stato un flop, il peggiore degli ultimi dieci anni secondo Codacons, l’associazione dei consumatori. A reggere l’impatto della crisi degli acquisti è solo il settore alimentare, che ha fatto registrare un aumento rispetto all’anno scorso. Per il cenone e il pranzo di Natale gli italiani hanno speso 2,5 miliardi, più dell’anno scorso, ma son stati molto attenti agli sprechi.

> Un Natale di spese senza sprechi


Negli altri settori, però, le cose non sono andate bene. Secondo Codacons, il calo dei consumi è arrivato anche al 20% in alcuni settori. Per il Codacons “Le famiglie hanno fortemente tirato la cinghia, riducendo il numero di regali e la loro entità, e tagliando anche sulle spese per la casa, sempre più spesso riciclando gli addobbi degli scorsi anni”.

Secondo l’Osservatorio Nazionale di Federconsumatori la diminuzione dei consumi ha riguardato molti settori e anche quei settori che solitamente vanno molto bene nel periodo natalizio. Come i giocattoli, in flessione del 3%, l’elettronica, che cala del 4%, o l’abbigliamento e le calzature, che diminuisce del 16%. Il calo dei consumi generale è stato del 14% per l’Osservatorio Nazionale di Federconsumatori.

Per il Codacons, la maggior parte dei tagli ai consumi hanno riguardato i regali di Natale. Gli acquisti sono diminuiti anche fino al 20% e il calo ha riguardato soprattutto settori come calzature, abbigliamento, arredamento per la casa, viaggi e ristorazione.






Tags:

Lascia una risposta