Home / economia / A Wall Street Google non esiste più: ecco Alphabet

A Wall Street Google non esiste più: ecco Alphabet

Un nome emblematico che rappresenta il linguaggio, secondo Larry Page – e non solo lui – una delle innovazioni più importanti nella storia dell’umanità. E’ dunque sotto il marchio Alphabet che confluisce Google e i suoi derivati a Wall Street. Ecco perché non lo troverete più tra i titoli in borsa. Ecco perché troverete un nuovo nome: Alphabet, che racchiuderà in sé il motore di ricerca Google, Google Maps, YouTube, la concessionaria pubblicitaria e le altre startup affiliate. 

Una rivoluzione già annunciata nell’agosto scorso, con l’obiettivo dichiarato di dividere il core business del gruppo dagli investimenti in research & development in nuovi comparti. Ovviamente non ci saranno cambiamenti rilevanti per gli utenti: Google manterrà il suo nome e alla sua leadership resterà saldo al comando Sundar Pichai. Larry Page, invece, sarà l’amministratore delegato di Alphabet.

Un nome simbolico che rappresenta l’alfabeto, una collezione di lettere che, combinate insieme, crea un linguaggio unico. Le lettere, in questo caso, sono l’insieme delle società di cui la più importante è Google.

Larry Page ha voluto spiegare così il cambio di nome a Wall Street: “Abbiamo considerato di frequente che con il passare del tempo le società sono a proprio agio nel fare sempre la stessa cosa e muovendosi solo per decidere piccoli cambi. Eppure l’industria tecnologica viaggia veloce e qui le idee rivoluzionarie spingono verso le prossime aree di grande crescita”, come le auto senza conducente, altro progetto di una startup facente parte dell’universo Google… pardon, Alphabet. Pertanto “c’è la necessità di essere un po’ a disagio per restare rilevanti“.