Affitto – Tutte le agevolazioni previste dallo Sblocca Italia

23 settembre 2014 10:470 commentiDi:

affitto

Arriva alla Camera lo Sblocca Italia, il decreto da convertire in legge entro l’11 novembre, il quale intende rilanciare in diversi modi il settore immobiliare ed edilizio. Sono state infatti varate una serie di agevolazioni che interessano il mondo delle locazioni, dei contratti di affitto, rivolti sia a coloro che affittano un immobile per scopi abitativi, sia a coloro che affittano un immobile per altre motivazioni. 

>  Affitto – Pagamento del canone con carta di credito e deduzioni per le case in comodato

La prima novità che diventerà attiva con la trasformazione del decreto Sblocca Italia in legge riguarda le spese di registrazione del contratto. La registrazione sarà infatti gratuita in tutti i casi in cui i proprietari richiederanno un canone ridotto, in modo tale da venire incontro alle esigenze degli inquilini.


La registrazione del contratto in caso di affitto di un immobile a canone ridotto è infatti obbligatoria al fine di permettere al locatore di ricevere le conseguenti agevolazioni sulle tasse, ma in questo caso le spese di registrazione diventeranno gratuite. Non si dovranno cioè più pagare le 67 euro previste per la registrazione e i 16 euro di marca da bollo all’Agenzia delle Entrate.

Come calcolare l’imposta di registro sul contratto di locazione nel 2014

Una seconda agevolazione prevista dal decreto Sblocca Italia riguarderà invece le agevolazioni fiscali che verranno concesse a coloro che comprano immobili con l’intento di darli in locazione. Costoro potranno infatti avere una deduzione sul reddito pari al 20 per cento dell’importo pagato, fino ad un massimo di 300 mila euro di importo.

Per usufruire di questa agevolazione i proprietari devono dare in affitto l’immobile entro sei mesi dall’acquisto, per un periodo non inferiore a 8 anni e stipulando un contratto a canone concordato.

La deduzione dal reddito è applicata in rate costanti per otto anni e gli immobili interessati, nuovi o ristrutturati, devono essere di classe energetica A o B.






Tags:

Lascia una risposta