Agenzia delle Entrate – Quali sono le rateizzazioni possibili per le irregolarità

24 agosto 2014 12:040 commentiDi:

agenziaentrate

A partire dal mese di settembre 2014 riprenderanno come annunciato in precedenza anche i controlli operati dall’Agenzia delle Entrate italiana sulle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti, depositate attraverso il modello Unico e il modello 730. L’autorità fiscale, cioè, passerà al vaglio la veridicità di quanto riportato dai contribuenti nelle loro dichiarazioni e verificherà l’eventuale presenza di errori di tipo formale. 

Il nuovo piano di controlli dell’Agenzia delle Entrate

Le attività di controllo svolte sulle dichiarazioni dei redditi dall’Agenzia delle Entrate saranno in particolare di due tipi, rispondenti alle procedure del controllo automatico e del controllo formale. In entrambi i casi i contribuenti in caso di disaccordo con quanto sostenuto dall’Agenzia potranno chiarire la loro posizione al fisco.


> Rimborsi fiscali – L’Agenzia delle Entrate invita i contribuenti a fornire l’IBAN

Se in seguito alla effettuazione di uno dei due controlli, i contribuenti fossero trovati in una posizione di irregolarità non sanabile formalmente, verranno invitati al pagamento di quanto dovuto. I contribuenti che riceveranno le comunicazioni di irregolarità potranno però anche richiedere il pagamento rateale degli importi dovuti.

La rateizzazione dei pagamenti delle comunicazioni di irregolarità dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate in questo caso ha previsto due diversi tipi di dilazione rateale, una novità introdotta proprio a partire da quest’anno in relazione alle cifre richieste attraverso le comunicazioni di irregolarità.

Si potrà infatti:

  • pagare le somme fino a 5.000 euro in un numero massimo di 6 rate trimestrali
  • pagare le somme superiori a 5.000 euro in un numero massimo di 20 rate trimestrali.

I contribuenti potranno infine decidere di aderire ad un piano di rateizzazione caratterizzato da rate di importo decrescente, a seconda delle proprie esigenze specifiche, lasciando però invariato il numero totale di rate previste dal piano.






Tags:

Lascia una risposta