Apple ha manipolato il prezzo degli ebook?

18 maggio 2013 15:290 commentiDi:

appleNon ha ancora trovato una soluzione definitiva la vicenda giudiziaria che negli Stati Uniti vede come protagonisti i vertici della Apple, la nota azienda di Cupertino e gli amministratori di altri cinque grandi colossi dell’ editoria americana digitale e non – Harper Collins, Macmillan, Hachette, Penguin e Pearson – che sono tutti accusati di aver stipulato accordi per tenere alto il prezzo degli ebook.

Apple raggiunge i 50 miliardi di download

Il Dipartimento di Giustizia statunitense (DoJ) sta infatti indagando sulla possibile creazione di un possibile  cartello, promosso dallo stesso Steve Jobs nel lontano 2010, sul mercato degli ebook, che sarebbe servito a contrastare la concorrenza di Amazon, allora leader di mercato, in occasione del lancio dell’ iPad e dell’ apertura dell’ iBookstore.


Apple torna tra le aziende statunitensi che fatturano di più

L’ accusa sospetta dunque che Jobs, rivelatrice una email inviata ad Harper Collins e pubblicata recentemente dal New York Times, abbia stipulato accordi con i grandi editori americani per convincerli a boicottare Amazon per la vendita dei propri prodotti, imponendo al tempo stesso un prezzo di vendita dei testi digitali più alti di quelli praticati dal competitor.

Ma per ora i vertici di Apple dichiarano di essere estranei alla cosa, sebbene i colossi dell’ editoria parimenti in causa abbiano già patteggiato.






Tags:

Lascia una risposta