Apple in calo

24 aprile 2013 17:010 commenti

appleSono peggiorate le quotazioni di Apple e a Cupertino sono molto preoccupati. Dopo il calo degli utili del 18%, un fatto inedito per quanto concerne gli ultimi dieci anni di storia dell’azienda, a Cupertino c’è chi chiede la testa di Tim Cook. L’analisi del portale Mondo Economia è impietosa. Ecco come stanno le cose:

L’azienda continua a macinare utili, ma per la prima volta nella sua storia, l’utile netto è in calo del 18%, posizionato a 9,5 miliardi di dollari. L’anno scorso si aggirava intorno agli 11,6 miliardi.

Alla diminuzione degli utili non fa tuttavia capolino una flessione dei guadagni. I ricavi, infatti, si attestano sui 43,6 miliardi di dollari, in rialzo dell’11% se comparati con i 39,2 miliardi di dollari dell’anno scorso.

Dati che sembrano essere migliori in confronto alle attese degli esperti, i quali si aspettavano un utile di 9,97 dollari per azione e guadagni per 42,3 miliardi di dollari.

Dati che hanno fatto fare un balzello in avanti al titolo nelle contrattazioni after hour in Borsa di quasi il 5%.

“Segnali di ripresa”

Oltre a ciò Apple ha comunicato di recente che ricomprerà azioni proprie per un totale di sessanta miliardi di dollari e aumenterà il dividendo del 15%, precisando che il piano di buyback sarà aumentato dagli attuali 10 miliardi a 60 miliardi di dollari. L’estate scorsa la compagnia aveva avviato il pagamento dei dividendi, ritornando dunque a riacquistare le proprie azioni.

Tim Cook, però, continua ad essere nel mirino per via dei risultati che continuano a deludere. La società non se la passa bene e titoli di Borsa soffrono di una forte pressione al ribasso.

Gli esperti chiedono la testa di Tim Cook

Nonostante ciò, l’Amministratore delegato di Apple ha dichiarato: “Siamo molto fortunati a essere nella posizione di poter raddoppiare l’ammontare del programma di ritorno del capitale annunciato lo scorso anno. Consideriamo il riacquisto di nostre azioni come un’ottima mossa al fine di utilizzare il capitale”.

Tags:

Lascia una risposta