Arriva la Mini – Tares, il saldo della tassa sui rifiuti – Pagamento a Roma e in altri comuni italiani il 24 gennaio 2014

14 gennaio 2014 17:070 commentiDi:

Tares-

Per i cittadini italiani il 2014 sembra essere iniziato proprio all’insegna di un’alta pressione da parte del fisco, dal momento che da qui a pochi giorni già scatteranno le prime scadenze delle tasse previste per quest’anno.

Come abbiamo ricordato anche in un articolo pubblicato in precedenza, infatti, il 24 gennaio 2014 più 12 milioni di contribuenti italiani saranno chiamati al versamento della Mini – IMU, una sorta di appendice alla principale tra le imposte sulla casa, l’Imposta Municipale Unica, la famigerata IMU, con un versamento che andrà a regolare in maniera definitiva i conti del 2013. 

Come calcolare e pagare la Mini – IMU in scadenza il 24 gennaio 2014

Ma la Mini – IMU non sarà l’unico adempimento a cui saranno chiamati gli italiani nei prossimi giorni. Piuttosto affollato si presenta infatti il calendario delle scadenze delle tasse sulla casa relativo al 2014.

Le scadenze delle tasse sulla case previste per il 2014

Secondo le ultime direttive arrivate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, infatti, emanate in  seguito all’introduzione degli ultimi emendamenti alla Legge di Stabilità, l’anno che è appena iniziato sarà contrassegnato, sul fronte della tassazione degli immobili, da imposte come:

  • la Mini – IMU, che abbiamo appena ricordato e che servirà a completare i versamenti IMU prima casa
  • la nuova IUC, la nuovissima Imposta Unica Comunale, che si pagherà proprio a partire dal 2014 e sarà composta da tre diverse componenti, quali l’IMU, la Tasi e la Tari, la prima già nota, la seconda rivolta a coprire gli oneri dei servizi indivisibili dei comuni, la terza rivolta alla componente relativa i rifiuti solidi urbani
  • la maggiorazione della TARES o Mini – Tares come viene oggi chiamata, anche qui interpretabile come un ulteriore saldo richiesto ad una parte dei contribuenti italiani, che nel 2013 non hanno ancora completamente assolto i loro obblighi nei confronti del fisco e dello stato.

Ecco quindi quali saranno le scadenze per l’anno 2014 da tenere a mente in relazione a queste imposte:

  • Mini  – IMU – 24 gennaio 2014
  • IMU – 16 giugno e 16 dicembre 2014
  • Tari e Tasi – la scelta delle scadenze delle due componenti della futura IUC resta affidata ai singoli comuni e amministrazioni locali. Si prospetta però o il pagamento in due rate a scadenza semestrale o quello in un’unica rata da versare entro il 16 giugno 2014
  • Mini – TARES – 24 gennaio 2014

Tasse sulla casa 2014, si discute ancora su quelle certe – IMU e Mini IMU – e quelle incerte – Tasi

Arriva la Mini – Tares, il saldo della tassa sui rifiuti

Ed è proprio l’ultima delle tasse citate, la cosiddetta Mini – TARES, che in questa sede ci interessa in modo particolare. Si tratta infatti della maggiorazione della TARES, la tassa sui rifiuti per l’anno 2013, al cui versamento saranno chiamati tutti quei contribuenti che nell’anno passato non hanno ancora completato l’iter di pagamento.


La scadenza della TARES, infatti, sarebbe stata fissata per il 16 dicembre scorso, ma nel frattempo sono sopravvenute numerose modifiche alla normativa che richiedono quindi un chiarimento. Facciamo dunque un po’ di ordine, organizzando le informazioni necessarie alla comprensione e al pagamento della tassa in una sorta di utile guida per i contribuenti.

 

Guida al pagamento della Mini – TARES, la maggiorazione della TARES

Che cos’è la Mini – TARES o maggiorazione della TARES

La Mini – TARES o maggiorazione sulla TARES è quella porzione della tassa sui rifiuti che una parte dei contribuenti si troverà a pagare per far fronte ad un incremento introdotto sulla TARES stessa nel 2013, attraverso il decreto Salva Italia,  pari a 30 centesimi al metro quadro.

L’incremento produrrà un gettito aggiuntivo per lo stato pari ad un miliardo di euro e verrà direttamente versato nelle casse dell’erario, senza passare per quelle delle amministrazioni locali.

Chi pagherà la Mini – TARES o maggiorazione della TARES

Saranno chiamati al pagamento della Mini – TARES o maggiorazione della TARES tutti quei contribuenti italiani che nel 2013 non hanno ancora provveduto al saldo completo degli importi previsti per la tassa sui rifiuti in seguito a decisioni specifiche delle amministrazioni comunali.

La data di scadenza originaria sarebbe stata infatti quella del 16 dicembre 2013. Ma l’emanazione di due diversi decreti, lo scorso anno e poi l’emanazione della Legge di Stabilità finanziaria 2014 hanno concesso alle amministrazioni locali di riscuotere la componente extra della TARES o attraverso date di loro scelta o attraverso la data del 16 dicembre 2013 o ancora, come ultima possibilità, il rinvio al 24 gennaio 2014, qualora la data del 16 dicembre non fosse stata rispettata.

Saranno quindi chiamati al pagamento della Mini – TARES o maggiorazione della TARES in particolare tutti gli abitanti di Roma e quelli residenti negli altri comuni che hanno approfittato dell’ultimo rinvio.

Come pagare la Mini – TARES o maggiorazione della TARES

E veniamo ai dettagli per il versamento. Per pagare la Mini – TARES o maggiorazione della TARES potranno essere seguite due diverse modalità:

  • potranno infatti essere utilizzati i bollettini precompilati inviati dalle amministrazioni locali direttamente ai contribuenti
  • oppure potranno essere utilizzati i Modelli F24 dell’Agenzia delle Entrate, così come previsto da una risoluzione del Ministero dell’Economia e delle Finanze arrivata il 3 dicembre 2013.

Il calcolo degli importi dovrà essere fatto, come indicato in precedenza, sulla base dei metri quadri dell’abitazione, che andranno moltiplicati per una cifra di 30 centesimi.

Quando pagare la Mini – TARES o maggiorazione della TARES

Come anticipato in precedenza all’interno del calendario delle scadenze delle tasse sulla casa previste per il 2014, la scadenza ultima per la Mini – TARES è fissata improrogabilmente questa volta al 24 gennaio 2014. 

Coloro che non si metteranno in regola con i pagamenti anche delle maggiorazioni entro quella data saranno soggetti a possibili sanzioni e al calcolo degli interessi di mora.

Non saranno invece previste multe o sanzioni per coloro che, pur non avendo pagato entro il 16 dicembre 2013, riusciranno ad effettuare i versamenti entro il 24 gennaio 2014.

Il caso specifico di Roma

Una attenzione particolare, infine, devono prestare tutti gli abitanti di Roma invitati proprio in questi giorni al pagamento della Mini – TARES.

Nei Modelli F24 distribuiti di recente per il pagamento della tassa, infatti, è stata ERRONEAMENTE riportata la data di scadenza del 16 gennaio 2014.

Anche per questi contribuenti, tuttavia, la data di scadenza, secondo le direttive nazionali emanate dalla Legge di Stabilità finanziaria per i il 2014 è fissata improrogabilmente al 24 gennaio 2014. 

Per l’anno 2014, infine, la componente di pertinenza “statale” della TARES, l’attuale maggiorazione, sarà pagata attraverso la componente Tasi della IUC, secondo le modalità che abbiamo indicato in precedenza.

 

 






Tags:

Lascia una risposta