Assicurazione obbligatoria per le case in zone a rischio

5 dicembre 2012 19:410 commentiDi:

 

 

 

In Italia i disastri naturali sono sempre più frequenti. Ogni anno c’è una tragedia che porta con sé disperazione e distruzione. Molte case, e interi paesi, costruite in zone a rischio vengono sommerse da fango e detriti. E poi bisogna ricostruire. I costi pubblici sono sempre più alti e si creano fondi ad hoc che spesso non bastano. Quest’anno il governo Monti ha messo anche un’accisa sulla benzina per le calamità naturali.

Ora il Ministero dell’Ambiente ha elaborato un documento inviato al Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, in cui identifica i punti importanti per prevenire queste catastrofi e limitare i costi per lo Stato. Il documento parla di assicurazione obbligatoria per la copertura dei rischi legati a eventi climatici estremi e di divieto di costruire case o strutture per attività aziendali in zone ad alto rischio idrogeologico. Queste sono le priorità del Ministero dell’Ambiente messe nel documento che si chiama “Linee strategiche per l’adattamento ai cambiamenti climatici, la gestione sostenibile e la messa in sicurezza del territorio”. Il documento prevede anche la costituzione delle autorità di bacino distrettuali e cerca di individuare quelle azioni di prevenzione che servano a evitare i rischi e i costi legati alle situazioni climatiche estreme.

 

 

Tags:

Lascia una risposta