Asta BTp, buona domanda e tassi in calo

14 febbraio 2012 12:590 commenti

Dopo l’asta di ieri dei BoT a 12 mesi e di quelli flessibili a 127 giorni, il Tesoro italiano ha emesso oggi BTp a 2, 3 e 5 anni che hanno evidenziato ancora rendimenti in discesa. Positiva anche l’asta dei titoli di breve termine della Spagna. La settima tranche dei BTp 15 novembre 2014, cedola 6% (codice ISIN: IT0004780380), è stata allocata per un controvalore pari a 4 miliardi di euro a fronte di una richiesta di 5,62 miliardi. Il ministero dell’Economia e delle Finanze si aspettava di collocare titoli per un ammontare compreso tra 2,75 e 4 miliardi. Il rapporto di copertura è salito a 1,41 da 1,22 dell’asta di metà mese scorso. Il tasso lordo è stato fissato al 3,41% dal precedente 4,83%.


La nona tranche dei BTp 15 novembre 2015 off-the-run (non più in corso di emissione), cedola 3% (codice ISIN: IT0004656275), è stata collocata per un ammontare pari a 686 milioni di euro. Il bid/cover ratio è stato pari a 2,37, mentre il rendimento lordo si è attestato al 3,771%. La 19-esima tranche dei BTp 1° febbraio 2017 off-the-run, cedola 4% (codice ISIN: IT0004164775), è stata emessa per 1,31 miliardi di euro per un bid/cover ratio di 1,71. Il rendimento lordo è stato del 4,25%.

La Spagna ha collocato Letras a 12 e 18 mesi per un ammontare complessivo di circa 5,45 miliardi di euro, quasi al livello del target massimo indicato dal Tesoro spagnolo a 5,5 miliardi. I titoli di stato a 12 mesi sono stati allocati per 2,94 miliardi di euro ad un tasso di rendimento lordo dell’1,949%. Il rapporto di copertura (bid/cover ratio) è però sceso a 2,27 dal 3,5 evidenziato nell’asta precedente. I titoli di stato a 18 mesi, invece, sono stati collocati per complessivi 2,5 miliardi di euro ad un tasso medio lordo del 2,395%. Anche qui la domanda è stata più bassa rispetto alla precedente asta, per un bid/cover ratio di 2,9 da 3,2.






Tags:

Lascia una risposta