Berlusconi in campo e Monti a casa fanno tremare i mercati

10 dicembre 2012 15:480 commentiDi:

Il ritorno in campo di Berlusconi e le prossime dimissioni del governo Monti, dopo che il Pdl gli ha fatto mancare la fiducia sul decreto sviluppo, hanno avuto riflessi negativi sul mercato.

Per Alfano l’esperienza del governo Monti si è conclusa

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva detto di aspettare la riapertura dei mercati per vedere gli effetti della fine del governo Monti. Il Presidente del Consiglio si è dimesso, ma resterà in carica fino all’approvazione della Legge di Stabilità.


Napolitano contro lo scioglimento anticipato delle Camere 

La Borsa di Milano chiude a -2,5% con i titoli bancari a picco e sospesi. Le altre piazze europee sono con il segno negativo, ma meno pesante rispetto a Milano. Parigi e Francoforte fanno registrare un -0,4%. A piazza affari, come si diceva, vanno giù i titoli bancari. Tra questi Unicredit perde il 4,17%, Intesa Sanpaolo il 4,6%, Mediobanca il 3,8%, Banco Popolare il 4,9% e Mps il 6%. In rialzo Mediaset con l’1,4%.

Lo spread torna a salire sopra i 350 punti dopo che la settimana scorsa era sceso sotto i 300 punti, e non accadeva da Marzo. Il differenziale tra i titoli italiani e quelli tedeschi a 10 anni è sopra a 355 punti.

La situazione politica, quindi, preoccupa i mercati. Bisogna capire come andrà la giornata, mentre al momento si hanno soprattutto vendite.

 

 






Tags:

Lascia una risposta