Home / economia / Berlusconi in campo e Monti a casa fanno tremare i mercati

Berlusconi in campo e Monti a casa fanno tremare i mercati

Il ritorno in campo di Berlusconi e le prossime dimissioni del governo Monti, dopo che il Pdl gli ha fatto mancare la fiducia sul decreto sviluppo, hanno avuto riflessi negativi sul mercato.

►Per Alfano l’esperienza del governo Monti si è conclusa

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva detto di aspettare la riapertura dei mercati per vedere gli effetti della fine del governo Monti. Il Presidente del Consiglio si è dimesso, ma resterà in carica fino all’approvazione della Legge di Stabilità.

►Napolitano contro lo scioglimento anticipato delle Camere 

La Borsa di Milano chiude a -2,5% con i titoli bancari a picco e sospesi. Le altre piazze europee sono con il segno negativo, ma meno pesante rispetto a Milano. Parigi e Francoforte fanno registrare un -0,4%. A piazza affari, come si diceva, vanno giù i titoli bancari. Tra questi Unicredit perde il 4,17%, Intesa Sanpaolo il 4,6%, Mediobanca il 3,8%, Banco Popolare il 4,9% e Mps il 6%. In rialzo Mediaset con l’1,4%.

Lo spread torna a salire sopra i 350 punti dopo che la settimana scorsa era sceso sotto i 300 punti, e non accadeva da Marzo. Il differenziale tra i titoli italiani e quelli tedeschi a 10 anni è sopra a 355 punti.

La situazione politica, quindi, preoccupa i mercati. Bisogna capire come andrà la giornata, mentre al momento si hanno soprattutto vendite.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *