Home / economia / Bollo auto non pagato: quando va in prescrizione? esenzione e agevolazioni fiscali

Bollo auto non pagato: quando va in prescrizione? esenzione e agevolazioni fiscali

Si torna a parlare di bollo auto ovvero una delle tasse che gli italiani odiano da sempre. Può capitare in alcuni casi che la scadenza di pagamento del bollo auto venga dimenticata e in questo caso purtroppo si va incontro a delle sanzioni. Nel caso in cui Dunque avvenga ciò, è bene tenere a mente tutte le regole che riguardano le possibili sanzioni e anche l’eventuale prescrizione del bollo. Innanzitutto bisogna precisare che il contribuente non dovrà più pagare nulla allo Stato qualora siano trascorsi 3 anni dalla scadenza dei termini di pagamento del bollo auto perché al termine di questo periodo la tassa va in prescrizione. Quindi qualora il contribuente non abbia pagato il bollo del 2018 dovrà ricevere la cartella esattoriale con la richiesta di pagamento entro e non oltre il 31 dicembre 2021 altrimenti questa cartella arrivata in ritardo sarà considerata nulla perché sarà scaduto il termine e la tassa andrà in prescrizione.

Il contribuente può decidere di non pagare l’importo richiesto senza incorrere in alcun tipo di problema attivando un’apposita procedura. Innanzitutto il contribuente che riceve presso il proprio domicilio la cartella esattoriale dovrà verificare la data in cui è avvenuta la notifica E nel caso in cui sia andata in prescrizione, il destinatario può presentare istanza di sospensione entro e non oltre 60 giorni dalla notifica ricevuta. L’Agenzia delle Entrate dovrà rispondere entro i 210 giorni perché altrimenti si attiverà La regola del silenzio assenso per cui la cartella esattoriale sarà completamente nulla, qualora invece l‘Agenzia delle Entrate risponderà con un dissenso alla richiesta di prescrizione si potrà procedere o pagando l’importo richiesto oppure avviando un procedimento legale e Rivolgendosi direttamente alla commissione tributaria provinciale.

Interessanti novità sono in arrivo riguardanti il pagamento del bollo auto che in qualche modo riprendono anche il l’argomento precedente. Uno dei motivi per cui spesso subentra la morosità del bollo auto riguarda la dimenticanza. Per cercare di risolvere in qualche modo questo problema è una risposta sembra essere arrivata attraverso il pagamento online di questa tassa tanto che da quest’anno è possibile utilizzare il sistema digitale dei pagamenti pubblici chiamato pagopa.

Di questo se ne è parlato negli ultimi mesi ed è un sistema digitale di pagamenti pubblici piuttosto rapido e veloce per poter effettuare pagamenti on-line. Per quanto riguarda i circuiti delle tasse nei quali rientra appunto il bollo auto.  Per poter effettuare il pagamento con questo nuovo sistema bisogna servirsi di e-banking oppure circuito Satispay attraverso tabacchi e sportelli bancomat delle banche di appartenenza. La morosità relativa al bollo auto non pagato, dunque, potrà essere risolta grazie ai circuiti Paypal perché tutti collegati al sistema Pago Ora che è stato istituito dall‘Inps.

Bollo auto, prescrizione sempre in 3 anni