Bonus mobili 2014 – Detrazioni anche per il bonus energia e gli acquisti all’estero

26 maggio 2014 17:310 commentiDi:

immobiliare 06

Dopo l’approvazione del Piano Casa 2014 il tetto massimo di spesa per la richiesta del Bonus mobili è stato riportato a 10 mila euro di importo, ma al tempo stesso da parte dell’Agenzia delle Entrate sono arrivate anche alcune utili precisazioni per permettere a tutti i contribuenti interessati di sfruttare questa agevolazione. 

Piano Casa 2014 – Le ultime novità per il Bonus mobili e la cedolare secca

L’Agenzia delle Entrate ha infatti emanato nel corso dell’ultima settimana una circolare, la circolare n. 11 del 2014 che precisa in quali termini è possibile richiedere la detrazione fiscale per il bonus mobili in sede di dichiarazione dei redditi.

Due in particolare sono state le novità sottolineate, che riguardano le condizioni in caso di effettuazione di lavori di ristrutturazione che comportano anche un risparmio energetico  – il cosiddetto Bonus energia – e l’acquisto di mobili all’estero.

Come richiedere il Bonus ristrutturazioni nella dichiarazione dei redditi 2014

Il Bonus mobili si può richiedere anche insieme a quello Energia

L’Agenzia delle Entrate ha ad esempio chiarito che la natura dei lavori di ristrutturazione effettuati deve essere abbastanza cospicua, ovvero riguardare elementi della casa come mura, servizi o impianti.

Anche coloro che effettuano lavori di ristrutturazione sul loro immobile che hanno come scopo la riqualificazione energetica possono usufruire delle detrazioni del Bonus mobili a patto che per questi sia richiesta la detrazione del 50 per cento e no quella del 65 per cento prevista.

Valido l’acquisto di mobili all’estero

La circolare dell’Agenzia delle Entrate ha poi precisato che possono ottenere le detrazioni anche coloro che acquistano mobili da una impresa residente all’estero che non abbia a disposizione un conto corrente italiano purché l’acquisto sia fatto attraverso un bonifico internazionale.

 

Tags:

Lascia una risposta