Bonus ristrutturazioni 2014 anche con pagamenti a rate e conti cointestati

26 maggio 2014 18:061 commentoDi:

Detrazioni-Fiscali

In un post pubblicato prima di questo abbiamo visto quali sono state le ultime novità in fatto di Bonus mobili 2014, messe in evidenza dall’Agenzia delle Entrate attraverso la pubblicazione di una circolare volta a chiarire alcuni aspetti della normativa. 

Bonus mobili 2014 – Detrazioni anche per il bonus energia e gli acquisti all’estero

All’interno della circolare n. 11 del 2014 l’Agenzia delle Entrate ha infatti chiarito che il Bonus mobili 2014 può essere richiesto anche se si acquistano dei mobili da una impresa straniera che non possiede un conto corrente italiano e da coloro che contestualmente effettuano lavori di ristrutturazione per la riqualificazione energetica degli edifici.

Bonus ristrutturazioni e bonus mobili 2014 – Le novità sulle detrazioni Irpef per la casa


Ma le novità presentate non finiscono qui. La circolare ha infatti evidenziato anche che le detrazioni fiscali previste per il Bonus ristrutturazioni possono essere richieste da coloro che effettuano pagamenti rateali e dal coniuge non proprietario dell’immobile che fa uso di un conto corrente cointestato. Ecco in quali termini.

Bonus ristrutturazioni 2014 anche per coloro che pagani a rate

Il Bonus ristrutturazioni può essere quindi richiesto da coloro che pagano a rate, a patto che la finanziaria che si occupa del pagamento lo faccia utilizzando il bonifico richiesto per le ristrutturazioni, ovvero con indicazione dei dati di riferimento alla legge, oltre ai dati fiscali e al numero della fattura del beneficiario. Una copia del bonifico dovrà poi essere conservata dal contribuente che intende chiedere la detrazione.

Bonus ristrutturazioni 2014 per il coniuge non proprietario titolare di conto cointestato

Il Bonus ristrutturazioni potrà inoltre essere richiesto anche dal coniuge non proprietario dell’immobile quando l’altro, il proprietario, risulti incapiente e intestatario della fattura dei lavori effettuati. Il coniuge deve però avere un conto cointestato e con questo effettuare il bonifico al condominio. L’amministratore sarà tenuto a segnalare tale particolare sul documento rilasciato.

 






Tags:

1 commento

  • MIa moglie e’ proprietaria di un immobile e da circa un anno abbiamo iniziato i lavori di ristrutturazione effettuando i pagamenti tramite bonifico,attuando tutta la procedura de quo’.siccome non mi e’ chiaro volevo vhiedere se puo’ usufruire del bonus ristrutturazione il coniuge non proprietario titolare di conto cointestato anche se le fatture risultano essere intestate solo al proprietario dell’ immobile.

Lascia una risposta