Calo consumi gennaio 2013

9 marzo 2013 15:580 commentiDi:

In questa settimana sono stati diffusi da Confcommercio i primi dati relativi ai consumi degli italiani nel corso del primo mese dell’anno 2013.

Ebbene, non c’è da stare allegri. Nonostante l’atteso periodo dei saldi, i consumi del mese di gennaio hanno fatto comunque registrare una flessione del 2,4% rispetto alla tendenza generale del periodo e dello 0,9% rispetto al mese precedente, quello di dicembre 2012, sul quale ha forse influito positivamente l’euforia prenatalizia.

Calo Pil 2012

L’Italia si trova dunque a vivere sotto il piano dei consumi un periodo di grande recessione e anche le prospettive per il resto dell’anno 2013 non sono buone. Con i consumi che hanno raggiunto i livelli che avevano nel 2004, i mesi futuri potranno vedere, secondo gli esperti, solo un ulteriore peggioramento della situazione.

> Previsioni economiche Italia 2014

Stesso discorso anche per il mercato del lavoro italiano. Il calo dei consumi produce calo degli ordinativi e, di conseguenza, un netto calo della produzione. E questo ultimo fattore non può far altro che spingere verso il basso il numero degli occupati del nostro Paese.

Nel solo mese di gennaio 2013 in Italia sono stati persi altri 97mila posti di lavoro, con il tasso  di disoccupazione che è arrivato a toccare la cifra dell‘11,7%. 

Aumenta, infine, anche il numero dei cassaintegrati.

Tags:

Lascia una risposta