Home / economia / Canone Rai in bolletta: chi deve pagare, le ultime novità

Canone Rai in bolletta: chi deve pagare, le ultime novità

Tra pochi giorni i cittadini italiani vedranno addebitato il Canone Rai in bolletta. Per il 2016 il pagamento del Canone Rai sarà così articolato: a luglio 70 euro in più sulla bolletta della luce corrispondenti alle rate da gennaio a luglio, il resto nelle successive due fatture. A partire dal 2017 invece saranno addebitati 10 euro al mese da gennaio ad ottobre. 

Assodato che il Canone Rai riguarda la detenzione di uno o più apparecchi atti o adattabili a ricevere le trasmissioni radio televisive e che l’importo totale ammonta a 100 euro, facciamo il punto sulle novità ad oggi 27 giugno.

Il Canone arriverà nelle abitazioni dove esiste un’utenza per la fornitura dell’energia elettrica.  Se due coniugi risiedono nella stessa abitazione ma l’utenza elettrica è intestata al marito mentre l’abbonamento Rai alla moglie, il pagamento sarà addebitato sulla sola fattura intestata al marito. Se invece i coniugi hanno residenze diverse, esisteranno due fatture per la luce quindi due distinte famiglie anagrafiche: in questo caso il pagamento è dovuto per ciascuna utenza elettrica. L’Agenzia delle Entrate ha specificato inoltre che il Canone è dovuto una sola volta in relazione a più apparecchi detenuti da soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica.

Per quanto riguarda gli affitti vanno distinti alcuni casi. Se l’abitazione è concessa in locazione è l’inquilino a dover pagare il Canone anche se la fattura è intestata al locatore. Se l’inquilino che ha preso in affitto l’immobile fa parte di una famiglia anagrafica che paga la tassa sul possesso della TV, allora è esonerato del pagamento.

I cittadini che hanno compiuto 75 anni ed hanno un reddito annuo non superiore ai 6.713 euro presentando la dichiarazione sostitutiva possono non pagare il Canone Rai in bolletta.

La dichiarazione sostitutiva va presentata anche da chi non possiede alcun apparecchio: il prossimo 30 giugno scadrà il termine per l’esonero dal pagamento del secondo trimestre. Bisogna ricordare che la dichiarazione presentata dal 1 luglio 2016 al 31 gennaio 2017 permetterà di non pagare il Canone per l’intero anno nuovo. Queste dichiarazioni di non detenzione vanno ripresentate ogni anno per evitare di pagare il Canone anche se non si è in possesso della televisione.

Per fare chiarezza in questo primo anno di addebito del Canone Rai in bolletta l’Agenzia delle Entrate nelle scorse settimane ha fatto un breve resoconto su come trattare i singoli casi che si possono venire a creare riferiti al 2016.

Loading...