Home / economia / Canone Rai in bolletta luce: 2 rate solo nel 2016, poi un solo versamento

Canone Rai in bolletta luce: 2 rate solo nel 2016, poi un solo versamento

Compromesso sul canone Rai nella bolletta Enel. In base ad un emendamento presentato dal Partito Democratico, il canone valevole per l’anno 2016 dovrebbe essere diviso in due distinte rate mentre a partire all’anno successivo, 2017, il canone sarà poi pagato in una sola soluzione. L’emendamento correttivo è stato presentato dal Capogruppo della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, Giorgio Santini e dovrà ora essere votato dall’assemblea dei deputati. Il via libera ad una soluzione di questo tipo è abbastanza scontato.

L’emendamento Santini sul canone Rai, infatti, si poggia tutto sulla necessaria introduzione di elementi di progressività nell’applicazione della nuova legge. Il primo anno, quindi, si attuerà una soluzione di tipo transitorio ma a partire dall’anno successivo il canone sarà dovuto in una soluzione che, con tutta probabilità, verrà addebitata nella bolletta della luce dei primi mesi del nuovo anno.

Per conoscere quelle che saranno termini e modalità di pagamento del canone Rai si dovrà attendere la pubblicazione della Legge di Stabilità in Gazzetta Ufficiale. E’ comunque evidente che la possibilità di una marcia indietro su questa questione sia molto remota e che gli italiano dovranno fare l’abitudine ad avere un canone Rai, certamente più leggero rispetto a quello abituale, nella bolletta della luce. Un provvedimento di questo tipo si è reso indispensabile per cercare di abbattere la fortissima evasione fiscale che è connessa con il pagamento del Canone Rai. L’Italia, infatti, è tra i paesi europei dove il canone viene considerato una sorta di furto e il suo pagamento non è visto come un obbligo. Renzi, dal canto suo, ha comunque già specificato che l’esecutivo punta a introdurre una progressività nel pagamento del canone con l’ammontare dell’importo dovuto che dovrebbe abbassarsi lentamente nel corso degli anni, sempre che la nuova legge raggiunga la sua finalità di far pagare tutti per riuscire, in questo modo, a far pagare di meno.