Caratteristiche conto corrente gratis per i pensionati

24 aprile 2012 15:410 commenti

È stato presentato oggi il conto corrente gratuito previsto dal decreto Salva Italia e frutto di una convenzione tra Abi, Tesoro, Bankitalia, Poste e associazioni dei prestatori dei servizi di pagamento. La possibilità di aprire questo conto corrente sarà riconosciuta non solo ai pensionati, come era stato detto inizialmente, ma anche a tutte le persone considerate economicamente svantaggiate, ovvero coloro che hanno un reddito Isee inferiore a 7.500 euro. L’iniziativa, ricordiamo, nasce dall’esigenza di evitare che la nuova norma che abbassa la soglia dei pagamenti in contanti costringa le persone economicamente svantaggiate a sostenere le spese che derivano dall’apertura di un conto corrente.

COME DIFENDERE I RISPARMI DALL’INFLAZIONE


La convenzione, più nel dettaglio, prevede due diverse tipologie di conti correnti gratuiti. La prima offre prelievi bancomat illimitati presso l’istituto dove si è aperto il conto, operazioni illimitate attraverso carte di debito, sei prelievi gratuiti allo sportello, 12 prelievi bancomat gratuiti presso altri istituti e 12 pagamenti ricorrenti tramite bonifico con addebito in conto corrente. Il secondo tipo di conto corrente è invece dedicato ai  pensionati che percepiscono una pensione fino a 1.500 euro e prevede 12 prelievi gratuiti allo sportello, prelievi illimitati presso gli sportelli automatici dell’istituto dove si è aperto il conto e operazioni illimitate di pagamento attraverso carta di debito.

COME RISOLVERE UNA CONTROVERSIA CON LA BANCA

Secondo le prime stime, usufruiranno di questo conto corrente circa 850.000 pensionati che ad oggi risultano sprovvisti di conto corrente e conto postale. Il presidente dell’Abi, Giuseppe Mussari, nel corso della presentazione ha auspicato che a seguito di tale iniziativa aumenti notevolmente il numero dei clienti bancari, soprattutto coinvolgendo quella parte di cittadini che per fascia di reddito, abitudini e capacità di spesa aveva finora evitato qualunque rapporto con poste e banche.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta