Cartelle Equitalia – Nessuna riscossione coattiva sotto i duemila euro

12 luglio 2014 14:550 commentiDi:

equitalia logo

La società di recupero credito che lavoro in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, Equitalia, uno dei peggiori incubi dei contribuenti italiani negli anni più recenti, cambierà presto il suo volto e diventerà sempre più a misura di cittadino. In verità questo questo processo è già cominciato alcuni mesi addietro, ma ora si prevedono altre novità in tal senso, nel senso di una riappacificazione con i contribuenti stessi. 

Come consultare l’estratto conto Equitalia online

Equitalia è infatti al centro del progetto di riforma compreso nella delega fiscale, e dopo aver messo mano alla semplificazione fiscale e al catasto il governo ha intenzione di presentare a breve anche un progetto di riforma per l’Agenzia della riscossione. Nel mirino del governo, infatti, ci saranno sempre più i grandi evasori e anche le ultime misure in fatto di evasione fiscale sono orientate in tal senso.


Equitalia apre lo Sportello Amico per le imprese in difficoltà

Ma quello che si prevede per Equitalia è sostanzialmente un ammorbidimento delle modalità di riscossione per le cifre più basse. In sostanza non si applicherà più in ogni caso l’istituto della riscossione coatta e i contribuenti non vedranno più apparire cartelle esattoriali di tipo minatorio per le somme iscritte a ruolo.

Verrà in futuro istituito un mini ruolo per le somme fino a 2000 euro per le quali le modalità di riscossione saranno molto più soft. In caso di morosità, infatti, un call center solleciterà il pagamento della cartella prima in modo verbale, poi si riceveranno altri tipi di solleciti bonari e solo in ultimo se non si sarà saldato ancora il debito i contribuenti potranno ricevere la cartella esattoriale e scatteranno le procedure di riscossione più dure.

I contribuenti in questo modo avranno di sicuro maggior tempo per pagare e meno ansia nei confronti dell’esazione.

 






Tags:

Lascia una risposta