Cartelle Equitalia – Nuova rateizzazione in sei anni entro il 31 luglio 2014

4 giugno 2014 15:520 commentiDi:

equitalia

Si è da poco conclusa, con risultati che potrebbero essere giudicati più che positivi, la sanatoria relativa alla cartelle Equitalia, che ha permesso a tutti coloro che si fossero trovati ad essere titolari di pagamenti scaduti nel 2013 di saldare il loro debito relativo allo scorso anno in un’unica soluzione e senza l’aggiunta di interessi. Ma dopo questa iniziativa ne arriva subito un’altra a favore dei contribuenti. 

Sanatoria cartelle Equitalia in scadenza il 3 giugno 2014

Le commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno infatti dati il via libera ad un emendamento del Decreto Irpef che consente la riattivazione dei pagamenti della cartelle Equitalia in sei anni. I contribuenti avranno cioè 72 mesi di tempo per saldare il loro debito con l’agente di riscossione che collabora con l’Agenzia delle Entrate e con numerosi altri enti pubblici.


Come pagare le cartelle Equitalia con la nuova sanatoria del 31 maggio 2014

Potranno quindi partecipare a questa riattivazione anche coloro che sono decaduti dal beneficio concesso in precedenza, entro il 22 giugno 2013, presentando una nuova domanda entro il prossimo 31 luglio 2014. 

Ci saranno quindi due regole da rispettare per usufruire di questa nuova agevolazione di pagamento:

  • la dilazione del pagamento non sarà ulteriormente prorogabile oltre i 72 mesi concessi
  • coloro che salteranno il pagamento di due rate decadranno dal beneficio – le rate potranno essere anche non consecutive.

I contribuenti che si trovano in sospeso con i loro pagamenti potranno approfittare di questa nuova iniziativa. All’interno del decreto Irpef è contenuto anche un importante emendamento relativo alle spiagge, con una serie di slittamenti normativi.

Slitta infatti al 15 settembre 2014 la data di scadenza del pagamento per la concessione delle spiagge e al 15 ottobre 2014 la discussione del testo di riforma, mentre le concessioni vengono prorogate fino al 2020.






Tags:

Lascia una risposta