In che cosa consiste la Tasi – Quello che c’è da sapere – II

21 maggio 2014 16:160 commentiDi:

tassa-casa

Continuiamo in questo post il nostro esame della Tasi, la tassa comunale con cui si confronteranno la maggior parte degli italiani possessori di una prima o di una seconda casa. Ecco infatti una serie di informazioni utili per conoscere meglio questa fondamentale imposta sulla casa in vista del suo pagamento, il primo dei quali è fissato per il 16 giugno 2014. 

In che cosa consiste la Tasi – Quello che c’è da sapere

Su tutte le seconde case, quindi, i proprietari pagheranno sia l’IMU che la Tasi. Per pagare entrambe le tasse sarà possibile utilizzare uno stesso F24, uno dei modelli dell’Agenzia delle Entrate in genere usati per questo tipo di versamento, anche se si dovranno differenziare sul modello i due pagamenti, indicando i due diversi codici tributo. 

Le novità sulla Tasi dall’approvazione del decreto sugli Enti locali

Per sapere quanto sarà necessario pagare i contribuenti dovranno attendere che i Comuni emanino le relative delibere con le aliquote. Al momento solo 514 Comuni italiani le hanno già presentate. Alcuni cittadini potranno trovare per la prima casa una aliquota maggiore di quella dell’IMU, sulla base delle scelte dei Comuni.

Saranno sempre i Comini a scegliere se concedere agevolazioni agli immobili affittati con canone concordato. I proprietari, inoltre non saranno affatto responsabili delle quote Tasi degli inquilini.

In materia di locazioni il proprietario dell’immobile non potrà neanche pagare tutta la Tasi e poi rivalersi sull’inquilino ma dovrà essere l’inquilino stesso ad informarsi sulla percentuale da pagare e a saldare l’onere.

Se i Comuni non avranno pubblicato le delibere entro il 31 maggio e le avranno trasmesse al Ministero, allora il pagamento della Tasi slitterà di qualche mese, tuttora in fase di decisione. Non prima di settembre 2014, ma si parla anche di ottobre, quando i conti saranno definitivi.

Tags:

Lascia una risposta