Che cos’è il ravvedimento speciale per i redditi evasi in Italia

27 giugno 2014 06:570 commentiDi:

soldi

In questi giorni viene discusso in Commissione Finanze alla Camera un provvedimento di legge che permette il rientro in Italia dei capitali detenuti all’estero, una sorta di sanatoria per mettersi in regola con il fisco. Ma all’interno del testo della nuova voluntary disclosure, sarà inserito anche un emendamento che permetterà a chi ha nascosto redditi in Italia di farli emergere allo stesso modo. 

Arriva la sanatoria per l’evasione dei redditi in Italia

Questa possibilità di emersione per i capitali detenuti in Italia e di regolarizzazione della relativa posizione fiscale dei contribuenti è stata chiamata ravvedimento speciale.  In Italia già esiste da tempo, infatti, l’istituto del ravvedimento operoso per mettersi in regola con il fisco e sulla falsa riga di questa possibilità ora la in Parlamento si sta pensando anche a questa ulteriore soluzione.


In arrivo scontrini e fatture elettroniche contro l’evasione fiscale

Vediamo meglio quindi come funzionerà questa procedura. I contribuenti che hanno evaso esclusivamente redditi prodotti in Italia potranno regolarizzare la loro posizione entro la fine del mese di settembre 2015 e andare a rivedere le dichiarazioni dei redditi passate, fino a quelle in corso alla data del 31 dicembre 2012. 

Si potrà cioè presentare una nuova dichiarazione in caso di omissione di quella precedente o una dichiarazione integrativa, per la quale si dovranno poi versare i relativi contributi maggiorati degli interessi e delle sanzioni previste.

La procedura prevista, tuttavia, è ancora in corso di definizione in questi giorni da parte della Camera, ma si pensa che possa essere applicato un meccanismo simile a quello richiesto per l’emersione dei capitali all’estero, dal momento che il ravvedimento speciale appartiene allo stesso disegno di legge del voluntary disclosure.

 

 






Tags:

Lascia una risposta